La madre e i fratelli del Sole (2)

Il Sole

Dalla nascita di Coatlicue e dei suoi antenati, qualche decina di milioni di anni prima della formazione del Sole, nella nuvola natale della nostra stella l’attività è rimasta incessante.
Il gas è collassato e si è acceso, formando altre stelle. Quando nascevano, la pressione dei loro venti e la luce che mettevano spingeva il gas vicino verso l’esterno, provocando la nascita di ulteriori stelle. Il Sole e i suoi fratelli di nidiata.

Il Sole e suoi fratelli

Considerando Coatlicue come stella di prima generazione, la sua esplosione nel creare il nostro Sole ha generato una seconda generazione che porta informazioni della prima generazione. Si può dire che siano connesse geneticamente.

Sebbene siano nati relativamente vicini tra loro, i fratelli del Sole si sono allontanati da tempo. Nel corso degli eoni alcuni sono esplosi e sono stati dimenticati, mentre altri si sono allontanati a causa della delle lievi differenze nelle velocità con cui ruotano al centro della galassia. Le loro posizioni attuali sono quasi impossibili da abbinare alle posizioni di origine.

Nel 2014 l’astronomo Ivan Ramirez è andato in cerca dei compagni di nidiata del sole e ne ha trovato uno.
Si è partiti da una trentina di candidati scelti in base alla loro composizione chimica e direzione con cui viaggiano attraverso la Via Lattea. Si chiama HD162826 ed ha una massa circa il 15 percento maggiore di quella del Sole ed è lievemente più azzurrina.
Sebbene il Sole e il suo fratello si siano formati nella stessa regione, oggi HD162826 è a 110 anni luce di distanza nella costellazione di Ercole.

Ora il lancio del nuovo satellite Gaia permetterà una più accurata misura della luminosità e la posizione delle stelle. Ne seguirà oltre un miliardo per generare una mappa 3D più dettagliata mai realizzata della Via Lattea. Gli astronomi pensano che Gaia ci aiuterà a trovare circa la metà dei fratelli abbandonati del Sole e in questo modo potrà chiarirci le idee sull’ambiente in cui nacque la nostra stella e sul tragitto che ha percorso da allora attraverso la Via Lattea.
Oggi il Sole orbita attorno al centro della galassia a circa 200 chilometri al secondo e si pensa che finora abbia completato almeno 20 orbite intorno alla galassia.

…. continua (nascita dei pianeti)

(Le Scienze n. 599)

homeansa ritorna
a Astonomia
ritorna
alla Home Page
Annunci

Informazioni su bruce

Ingegnere. Io sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci tu. (Massimo Troisi)
Questa voce è stata pubblicata in Attualità. Contrassegna il permalink.

Il tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...