Eterne Voyager 1 e 2.

 

voyager1e2

Ricorre il 40 esimo anno da quando le sonde Voyager 1 e 2 furono lanciate nel 1977.
La loro missione era visitare uno dietro l’altro i quattro giganti del sistema solare (Giove, Saturno, Urano, Nettuno) approfittando di un raro allineamento tra i pianeti che si verifica ogni 175 anni. E sono tutt’ora operative.
Grazie alle due sonde si è intuita la presenza di un oceano sotto il ghiaccio di Europa, che Io ha una attività vulcanica, che Titano ha una ricca atmosfera.

Voyager 1, in particolare, è il primo manufatto umano che si è spinto oltre il sistema solare.
Attualmente si trova a circa 20 miliardi di chilometri di distanza dalla Terra e si allontana dal Sole a oltre 60.000 km all’ora. I suoi messaggi ci arrivano dopo 19 ore.
Qualche anno fa è uscita dall’eliosfera ed è entrata ufficialmente nella terra di nessuno in mezzo allo spazio tra una stella e l’altra.

Anche quando le due sonde si spegneranno, si spingeranno sempre più lontano per milioni o addirittura per miliardi di anni.
I dischi dorati che contengono suoni, immagini, potranno essere persino tutto quello che resterà della nostra specie e del nostro pianeta quando anche il Sole si sarà spento e con esso anche la vita sulla Terra.
Non sarebbe un brutto modo per essere ricordati.


 

Annunci

Informazioni su bruce

Ingegnere. Io sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci tu. (Massimo Troisi)
Questa voce è stata pubblicata in Astronomia, Ultime dallo spazio, Universo e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Eterne Voyager 1 e 2.

  1. MARGHIAN ha detto:

    Verra’ recapitato, il nostro messaggio? Non lo sapremo mai. Ma sappiamo di aver lasciato (e lanciato) un segno. Bella la frase dell’Agente Mulder ne X files: “questo e’ il concerto brandemburghese numero…di Bach, inviato nello spazio su una delle sonde Voyager. Chi ascoltera’ questa musica, non potra’ non pensare che la Terra e’ un luogo meraviglioso”. Ciao.

    Mi piace

    • bruce ha detto:

      Vero. Se poi l’intero universo è formato da particelle vibranti secondo la teoria delle stringhe, l’intero universo è una sinfonia a giustificare che forse la musica è un linguaggio universale.

      Mi piace

  2. Renzo Dal Grande ha detto:

    interessante Bruce

    Mi piace

Il tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...