Buco nero supermassiccio Sgr A* al centro della Via Lattea

Tutte le grandi galassie hanno al loro centro dei massicci buchi neri e la nostra non fa ovviamente eccezione.
Al centro della Via Lattea c’è un buco nero che ha una massa intorno a 4.1 milioni di volte quella del nostro Sole, chiamato Sgr A*.
Ma oggi non parliamo del buco nero, ma delle stelle che gli orbitano intorno, chiamate “Stelle-S”.

sgr-a-chandra1

Sappiamo che è impossibile osservare un buco nero in quanto ingoia anche la luce.
Ma si fa sentire. Dalla sua forza gravitazionale.
E si fa anche notare agli scienziati per quello che accade nei suoi dintorni.

E’ il caso delle Stelle-S.
Perché non dovrebbero stare lì vicino. La forza esercitata dal buco nero avrebbe fatto a pezzi le nubi di materia in grado di dar vita a stelle simili.
Da dove vengono quelle stelle? Come si sono formate?

A dire il vero al mio cane, oggi, la cosa non interessa molto, tanto è impegnato con le sue crocchette.
Ma io glielo dico lo stesso.

Secondo i modelli matematici per calcolare le migrazioni delle stelle i conti non tornano, non riescono a riprodurre quello che si vede nella realtà.
La spiegazione è arrivata da una teoria nuova, unificata, che spieghi l’origine e l’evoluzione delle stelle S e la loro vita nelle prossimità del buco nero, elaborata dal Dr. Antonini, durante la riunione annuale della CASCA (Canadian Astronomical Society).

Date le caratteristiche, queste stelle non possono avere più di 100 milioni di anni di età, eppure la loro distribuzione orbitale non sembra essere distorta contrariamente alle previsioni che abbiamo dai modelli sulla loro origine.
Le stelle S, avrebbero iniziato la loro vita molto lontano dal centro galattico. Ma nel loro migrare verso il buco nero sarebbero state intercettate dalla forza di gravità di altre stelle anche di quelle stelle attualmente non visibili nella regione con cui hanno interagito.

Sstar-700x393

Sembrerebbe tutto regolare. E allora?
Sono tanti anni ormai che sappiamo dell’esistenza di grandi buchi neri al centro delle galassie più massicce, ma sappiamo estremamente poco riguardo alle loro caratteristiche e siamo sicuramente ancora nell’infanzia degli studi su come nascono, crescono e si evolvono nel tempo.
E lo studio di queste stelle potrebbe gettare nuova luce sui buchi neri.

Ora puoi tornare alle tue crocchette – dico al mio cane

(fonte: Universe Today)

Annunci

Informazioni su bruce

Ingegnere. Io sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci tu. (Massimo Troisi)
Questa voce è stata pubblicata in Astrofisica, Astronomia, Ultime dallo spazio, Universo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

16 risposte a Buco nero supermassiccio Sgr A* al centro della Via Lattea

  1. Rebecca ha detto:

    Buongiorno mio caro Silvano, mi auguro il tuo figlio si sta riprendere, e torna presto a casa…
    … ora al tuo post, quando andavo ancora a scuola qui parliamo di un sacco di anni fa 😆 mi sono sempre domandato come sanno i scizenziati, astrofisci ecc tutte ste cose.. fin ora nessuno e mai stato li per verificare come sia veramente tutto questo da vicino.. poi ovviamente e tutto calcolato matemeticamente ma sempre soltanto su fatto che si immagina che tutto sia cosi.. le prove vere di tutte queste cose non ci sono, perchè nessuno è arrivato fin li a parte l’astronave enterprice (scherzo) .. allora da dove derivano questi affermazioni.. chi ha la certezza che tutto e cosi??? Se me lo spieghi ti prego in parole semplice sono analfabeta in questa materia…ti abbraccio, una carezza Bleff … Pif 😉

    Mi piace

    • bruce ha detto:

      Grazie per la tua premura, sempre apprezzata e gradita.
      Diciamo che il peggio è passato, ora procede tutto secondo le indicazioni mediche.

      Per quanto riguarda la tua domanda e i tuoi dubbi, devo dire che sono legittimi.
      Molto brevemente.
      La scienza, o meglio l’astrofisica può sembrare difficile da capire. In realtà per gli addetti ai lavori è il loro pane quotidiano.

      Hai mai provato a guardare la Luna a occhi nudi? Certamente sì. Cosa vedi? Poco o niente.
      Hai provato a guardare la Luna con un potente cannocchiale? Se lo farai, riuscirai a vedere distintamente la sua superficie. Eppure non ci sei andata sopra.
      I satelliti esplorano “per noi” da vicino tutto il nostro sistema solare, pianeti grandi e piccoli.
      Piccole macchine camminano su Marte mandandoci ogni dettaglio della sua superficie. Eppure non ci siamo mai andati di persona.
      Questi sono solo piccoli esempi.

      Più complicato è quando interviene la matematica, la fisica.
      Perché conosciamo perfettamente la distanza della Luna dalla Terra? Le orbite di tutti i pianeti attorno al Sole, compresa quella della Terra che determina le stagioni?
      Calcoli matematici.

      Conosciamo anche le loro distanze. Eppure non c’è stato bisogno di misurarle con il metro. E’ matematica, fisica.
      Satelliti, potenti telescopi ed antenne guardano, scrutano e ascoltano il cielo. Le informazioni ricavate, (luminosità, frequenze emesse, radiazioni, ecc. ecc.) vengono tradotte in linguaggio matematico sfruttando le leggi fisiche (spettri delle frequenze, red shift, tanto per fare solo due esempi), attraverso le quali, gli scienziati ricavano tutte le informazioni che disponiamo.

      L’ultima frontiera sono le “simulazioni”. I modelli matematici. Cosa sono?
      Hai presente le previsioni del tempo? Come le fanno?
      Mettono tutti i dati (pressioni, temperature, umidità, correnti, rotazione della Terra ecc. ecc.) in un computer che “simula” le condizioni atmosferiche con un sofisticato e appropriato software.

      Ebbene i moderni computer e software sempre più complessi elaborati dagli astrofisici, “simulano” ciò che dovrebbe accadere per esempio in prossimità dei buchi neri o la esplosione di una stella.
      Le successive osservazioni confermano o meno la bontà delle simulazioni.
      E’ grazie a tutto questo che sappiamo ed abbiamo la conferma che la stella Betelgeuse sta per esplodere, che nella nostra galassia c’è un immenso buco nero.
      Il tutto senza esserci mai andati di persona, ne mai ce ne sarà la possibilità.

      E tutto questo colma una lacuna che la Bibbia non spiega o che nessun Dio ha mai chiarito.
      Ciao carissima.

      Mi piace

      • Rebecca ha detto:

        Molto bello come lo hai descritto… a parte il finale… dai potevi lasciare fuori Dio.. comunque per farti riflettere un pò… nella bibbian nei lbri di proverbi e scritto una cosa.. pero prima dico un’altra… anni fa si pensava che la terra sia piatta e gli studiati hanno pensato che al orizonte nel mare sara la fine tipo enorme cascata 😉 ma proprio nella bibbia e scritto che la terra e una sfera e appesa a nulla 😉 tvb Pif

        forse un giorno possiamo viaggiare nello spazio.. non proprio noi… ma il prossimo futuro.. e forse loro sorridano sulla teoria dei nostri tempi…

        Mi piace

        • bruce ha detto:

          Ciao cara.
          Il finale?
          Fatto apposta per far rifletere ed aver fiducia negli uomini e nella scienza.

          Mi piace

          • Rebecca ha detto:

            magari sarebbe bello se la religione nel senso la fede (lasciamo le religioni a parte fanno solo confusioni fra di loro) il credo nel creato o meglio credere in un Creatore può essere utile anche nella scienza .. perchè tutti due cose non possano stare in armonia??? Hai letto il mio post http://unmondoperduto.wordpress.com/2013/05/30/la-mancanza-di-equilibrio-nelluomo-di-pietro-ubaldi/ 😉 poi dimmi cosa ne pensi… ma ti prego non criticare Ubaldi per me lui è un mito mi regala tantissima serenità

            Mi piace

          • bruce ha detto:

            Cara Pif, lo so che per te è un mito. Leggo spesso i tuoi post che riportano il pensiero di Ubaldi.

            Tuttavia, ad essere sincero, sono molto critico. Perché? Perchè sono diametralmente opposto al suo pensiero.
            Non posso condividere il pensiero di chi critica aspramente la scienza (senza anima) quando la scienza ha reso migliore la vita di tutti noi in ogni campo e settore, dalla medicina, alla industria, alle telecomunicazioni, al trasporto. Praticamente è presente in ogni azione della nostra vita.
            Se il mondo si è evoluto è grazie alla scienza. E non capisco quale dolore ha reso alla umanità come dice Ubaldi. Anche te usi la tv, il cellulare, l’automobile, la lavatrice, l’aspirapolvere, i vaccini. Forse hai dolore nell’adoperarli?
            E’ l’uso distorto della scienza che crea dolore, non la scienza.

            Non posso condividere il pensiero di chi critica tutto e tutti e nel contempo non da soluzioni. Leggo solo uno sterminato uso e rigiro di parole (a volte veramente senza senso) sulla vita, sull’amore.
            Soluzioni? Nessuna.

            Un esempio estratto dal suo pensiero.
            L’essere umano è chiamato ad evolversi ampliando la percezione della sua coscienza. (parole senza un senso compiuto)
            L’uomo si inserirebbe nel fenomeno universale dell’evoluzione tramite la reincarnazione (quale reincarnazione non è dato sapere).
            La grande legge della vita è quella dell’Amore (la scoperta della cosiddeta acqua calda)
            L’universo viene inteso come un’inestinguibile volontà d’amare. (e allora?)
            Il fine dell’esistenza è rappresentato dall’evoluzione (ma va!)

            Potrei continuare.
            Questi concetti non hanno il copyright di Pietro Ubaldi. Sono patrimonio di molte religioni, di movimenti che si definiscono tali, della new age.
            Prove, zero. Soluzioni ‘concrete’ zero.

            Sinceramente, se devo dare ascolto a qualcuno, meglio il cristianesimo. E’ più concreto, diretto, meno filosofico.
            Ma ti prego, non me ne volere per questo. Sono più pragmatico che filosofo. Più sul concreto che sull’astratto. Più sui risultati che sulle parole.

            Non per questo non lo leggo, basta non prendere tutto sul serio e non crederci ciecamente. Si potrebbe cadere nel condizionamanto psicologico attratti dal fumo “oppioso” delle parole. 😆
            Buona notte cara.

            Mi piace

          • Rebecca ha detto:

            Buongiorno mi fa piacere che hai risposto qui 😆 … non ti posso nemmeno dare torto su alcune cose che hai scritto.. ma io penso sempre che deve essere una via che collega tutto un insieme .. siamo tutti un pò testardi per questo concludiamo quasi mai niente..abbi una buona domenica e auguri per la quarigiorne al tuo figlio… tvb

            Mi piace

  2. bruce ha detto:

    Vedo che anche te sei una buona mattiniera.
    Mentre te scrivevi io ero fuori con Bleff ( e ti ho pensato 😆 ), sembra quasi una bella giornata, ma mare mosso, lungomare deserto, niente di meglio per una bella e solitaria passeggiata.

    Per quanto riguarda Ubaldi, apprezo tutti i filosofi, ma questo non vuol dire che condivido le loro idee. Ho ancora conservati i miei libri di filosofia del liceo.
    Ti do un consiglio, se lo accetti, leggiti qualche libro di Eustachio Paolo Lamanna (forse il maestro di Ubaldi), grande filosofo e storico. Per esempio “Il bene per il bene”.
    Anche lui afferma che la religiosità sia un’esigenza naturale dello spirito umano, ma lo fa con più raziocinio e meno enfasi. Inoltre è un accademico più titolato di Ubaldi.

    Breve nota su di lui.
    Autore di un fortunato manuale di storia della filosofia per i Licei, fu rettore dell’Università fiorentina, membro dell’Accademia nazionale dei Lincei, Presidente nazionale dei Professori universitari, membro del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione e Medaglia d’oro al merito della scuola, della cultura e dell’arte. Diresse, con Pietro Piovani, la “Collana di Filosofia” delle Edizioni Morano di Napoli.
    Buona giornata carissima

    Mi piace

    • Rebecca ha detto:

      Allora in estate sinceramente leggo pocco quasi niente… adoro l’inverno per leggere libri… comunque mi sono fatto gia una nota al riguardo di Eustachio Paolo Lamanna, non so se era il maestro di Ubaldi, ma sicuramente sia interessante quello che ha scritto.. io questo inverno ho letto un pò sulle riflessioni di Sri Aurobindo.. anche lui mi piace, per me a volte difficile comprendere i loro pensieri, ma poi rilleggio e pian piano mi faccio le mie idee..
      io sono sempre mattinaria mi alzo verso alle 4:00 di mattina, e faccio i miei lavoretti in casa con calma.. il miglior momento per riflettere e scrivere alcuni di miei riflessioni in un libretto.. e da li a volte nascono le mie poesie o post scritte da me..
      caro Silvano la vita a volte mi sembra cosi breve, per scoprire tutto.. ci vorebbano altri 100 anni per conoscere, comprendere e svilluparsi …
      la mia più grande paura di scoprire un giorno che Dio e una invenzione dai filosofi antichi.. sarebbe per me la più grande dellusione della vita.. anche se io non seguo una religione (rituali ecc) ho il bisogno di credere in un supremo..
      Mah, chi sa se un giorno sappiamo veramente se Dio esiste…
      ora preparo un buon caffè e poi torno qui al pc.. sto preparando quache post per i prossimi giorni 😆 tvb una carezza a Bleff, un abbraccio al tuo figlio e un bacio sulla guancia a te… mi sei molto caro… quanto tempo deve rimanere tuo figlio in ospedale???
      Ah dimenticavo :mrgreen: fattelo fare la mia insalatona dalla tua moglie cosi mi pensi quanto lo mangi 😉

      Mi piace

      • bruce ha detto:

        Mia moglie è una divoratrice di insalate. La prendo sempre in giro 😆
        Ci mette di tutto. La sua passione sono i cetrioli, che al contrario io detesto perchè con il suo intenso sapore mi rovina tutto.
        Mia figlia va matta per i minestroni ( motivo per cui leggo volentieri i tuoi post di cucina 😆 )
        Io? La carne ovviamente!!!!! 😆

        Mio figlio è già a casa che abbiamo trasformato in un piccolo poliambulatorio.
        Beff dorme dopo ogni passeggiata.
        Ciao cara
        Bruce

        Mi piace

        • Rebecca ha detto:

          Bene vedo la maggiorparte della tua famiglia mangia sano 😆 forse c’è speranza anche per te hahahahahah… scherzi a parte… oggi faccio esperimenti culinaria.. provo fare un ragu a base di hamburger di soia.. ma tipico se fosse un ragu di lepre in vino… vediamo cosa vieni fuori… poi faccio le foto e se ci piace ho già pronto un altro post 🙂 … anche Tatanka ha fatto prima una passeggiata ora e sul divano e ronfa… beati loro che non hanno pensieri..
          allora è gia una buona cosa se avete portato il vostro figlio a casa… in famiglia si guarisce sempre prima… ha fratture sulle gambe??? O sa già un pò camminare??? Dimmi come stanno le cose…

          Mi piace

          • bruce ha detto:

            Niente fratture alle gambe, solo una profonda lacerazione. Oggi prima passeggiata … fuori porta.

            Mi piace

          • Rebecca ha detto:

            allora andiamo bene… che solievo… mi sentivo anche un pò in colpa perchè non ho subito letto questa brutta notizia… ma sono felice che tutto vada per il meglio… quando lui si sposa e già guarito 😆 questo mi diceva sempre la mia madre quando avevo le mie piccole e grande ferite… da bambina ero come un ragazzo … sempre in giro .. mio padre disse una volta sei come un gatto randaggio torni solo per mangiare e leccarti le ferite :mrgreen:

            Mi piace

  3. MARGHIAN ha detto:

    Come scrive Rebecca, anche io mi auguro chel tuo figlio si stia riprendendo, e che torni presto a casa…

    Ho pensato, infatti, che le stelle che vengono attratte da un buco nero e che si trovano nelle sue vicinanze si siano formate piu’ lontano, e che siano state poi attirate, come in un vortice, nella zona del buco nero centrale, che e’ bello grosso (appunto, piu’ di quattro milioni di volte la massa del Sole).

    L’immagine che hai postato mi ricorda la struttura dell’atomo (come viene rappresentata nelle illustrazioni, che’ come io e te sappiamo, non e’ “rappresentabile” come realmente e’-se lo si potesse disegnare, povero Heisemberg!). Davvero micro cosmo e macro cosmo, fatte le dovute differenze…si somigliano.

    Ah, sai che qualcuno aveva ipotizzato che i nuclei atomici potessero fungere da stelle e gli elettroni, molti di questi, essere magari..abitati? Non e’ cosi’, chiaramente, perche’ il nucleo non e’ una “sfera” e, considerando la complessita’ del nucleo, se lo si potesse ingrandire…non assomiglierebbe per niente al Sole; idem per gli elettroni, che non sono delle “sferette compatte” per poterli concepire come “pianeti” in scala ridotta… Ciao.

    Marghian

    Mi piace

    • bruce ha detto:

      Guarda che anch’io ho pensato la stessa cosa. Strano vero?
      Eppoi chi non ci dice che l’universo è la parte centrale di un nucleo atomico appartenente ad un struttura più complessa?
      E’ bello fantasticare. Non ti pare?

      Mi piace

      • MARGHIAN ha detto:

        Nulla di cui “vergognarsi”, lo pensavo anche io, *prima di leggere che qualche persona “autorevole” lo sosteneva. Infatti, leggendo un libro “poket”-avevo 17 anni- mi capito’ questa frase. “.l’atomo e’ un sistema solare in miniatura e.. chissa’ che alcuni elettroni non siano anche abitati?” Io esclamai…”la’, s’idea mia!” (toh, la mia idea!)
        “E’ bello fantasticare…non ti pare?”. E lo scrivi a me? 🙂 Ricorderai senz’altro, nei miei commenti commenti, certe mie fantasie dove poi ho aggiunto: “e’ tutta fantasia, la mia, Rebecca ( o Ross, o Mariella, o…), e’ bello eccome!

        Ciao Bruce

        Mi piace

Il tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...