Trovate le onde gravitazionali

onde gravitazionali1

Dopo settimane di rumors è arrivata la conferma ufficiale: per la prima volta sono state rilevate le onde gravitazionali, onde d’urto che attraversano lo spazio-tempo. Il primo a teorizzare la loro esistenza fu, cento anni fa, Albert Einstein, e l’essere riusciti finalmente a osservarle direttamente è un ulteriore successo per il suo capolavoro, ovvero la teoria della relatività generale.

Ora non voglio fare una noiosa spiegazione di cosa sono le onde gravitazionli. La notizia è già su tutti i siti specializzati, divulgatori scientifici, quotidini, amatori, curiosi, con notizie più o meno complesse.

Io vi dico solo che la notizia è stata confermata oggi 11/02/2016 in una conferenza stampa congiunta da Washington e da Cascina, in provincia di Pisa.

È stata la collisione tra due buchi neri avvenuta oltre un miliardo di anni fa a provocare il primo segnale delle onde gravitazionali mai scoperto, rilevato dalle antenne dello strumento LIGO ed analizzato fra Europa e Stati Uniti dalle collaborazioni LIGO e VIRGO, alla quale l’Italia partecipa con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), e che ha sede proprio nella cittadina toscana. Si tratta anche della prima prova diretta dell’esistenza dei buchi neri.

I due buchi neri formavano una ‘coppia’, ossia un sistema binario nel quale l’uno ruotava intorno all’altro. Avevano una massa rispettivamente di 36 e 29 volte superiore a quella del Sole. Si sono avvicinati a una velocità impressionante, vicina a quella della luce. Più si avvicinavano, più il segnale diventava ampio e frequente, come un sibilo acuto; quindi è avvenuta la collisione, un gigantesco scontro dal quale si è formato un unico buco nero. La sua massa è la somma di quelle dei due buchi neri, a eccezione della quantità di energia liberata sotto forma di onde gravitazionali.

Se volete saperne di più vi rimando al sito dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN).

Informazioni su bruce

Ingegnere. Io sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci tu. (Massimo Troisi)
Questa voce è stata pubblicata in Astrofisica, Attualità, Fisica, Ultime dallo spazio e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

25 risposte a Trovate le onde gravitazionali

  1. Rebecca Antolini ha detto:

    Sarebbe una grande vittoria per Albert Einstein … dopo 100 anni …wowwwwwww

    Mi piace

    • bruce ha detto:

      Ed è una grande vittoria per l’Italia e i suoi centri di ricerca che hanno avuto un ruolo di primissimo piano nella scoperta delle onde gravitazionali, a partire dall’esistenza stessa di VIRGO, nato dall’idea dell’italiano Adalberto Giazotto dell’Istituto nazionale di fisica nucleare (INFN).

      Mi piace

      • Rebecca Antolini ha detto:

        .. comunque uno lo sapeva già 100 anni prima .. anche una gallina cieca trova il mangime😀 …

        … va bene un po di vittoria anche ai italiani …

        Mi piace

        • bruce ha detto:

          Quando ho detto di questa cosa della scoperta delle onde gravitazionali a Bleff, lui mi ha risposto con nonchalance: “Io lo sapevo già da tempo”.
          Forse gli animali hanno un senso più sviluppato di noi?🙂

          Mi piace

          • Rebecca Antolini ha detto:

            su questo non ho alcun dubbio… Tatanka due anni fa prevedeva i terremoti qui a verona la polizia non e ci hanno mandati nonostate tutti fuori casa per l’attesa di un super terremoto.. lunico teremoto che erano i ladri che hanno messo sotto sopra le casa… Tatanka dormiva tranquilla.. grazie lei sono rimasto in casa.. nessun ladro a casa nostra …😀

            Mi piace

        • MARGHIAN ha detto:

          C’e una vista, meglio di quella ottica, che si chiama intelligenza. Ce n’e’ un’altra, poi, che si chiama immaginazione. Einstein aveva questi due..occhi, intelligenza ed immaginazione. Ciao Rebe’🙂

          Mi piace

  2. gabriarte ha detto:

    una domanda attraverso lo studio di queste onde potremmo sapere di più sui buchi neri? grazie ciao

    Mi piace

    • bruce ha detto:

      Intanto questa scoperta è una conferma indiretta della esistenza dei buchi neri. Per capire se ne sapremo di più sui buchi neri è presto dirlo, ma visto i grandi passi fatti dalla scienza (astrofisica) e degli strumenti (mi riferisco alla struttura chiamata LIGO) sicuramente nel futuro ci saranno altri importanti annunci.

      Adesso possiamo solo dire che “c’ero anch’io”.

      Liked by 1 persona

  3. MARGHIAN ha detto:

    Ciao Bruce. Che bello, le onde gravitazionali che non sono piu’ confinate nella pura astrazione teorica, ma che escono finalmente allo scoperto. Lo spazio- tempo che “tremola”, come l’acqua di un lago ove venga lanciato un sasso. “Anche due che ballano il walzer creano onde gravitazionali, ma troppo deboli per essere percepite da degli strumenti”. Cosi’ ha detto oggi un esperto al “TGR Leonardo” in un servizio dedicato a questa scoperta. Ma spiegami una cosa: con la osservazione delle onde gravitazionali si conferma l’esistenza anche del gravitone, oppure no? Il gravitone, che come sai è la particella mediatrice che sinora sfugge alla unificazione delle forze fondamentali. Bella poi questa possibilità di osservare l’universo con le onde gravitazionali, e non solo con le onde elettromagnetiche. Ed il perfezionamento che ci sara’, degli strumenti di osservazione in questo campo, aprirà orizzonti che adesso non riusciamo neppure ad immaginare. Dopo vado al sito dell’Ifn, ciao🙂

    Marghian

    Mi piace

    • bruce ha detto:

      ” …. con la osservazione delle onde gravitazionali si conferma l’esistenza anche del gravitone, oppure no? …”

      Purtroppo devo dire di no. Il gravitone è una particella. Ovvero è una “presunta” particella generatrice della forza di gravità.
      Le onde gravitazionali sono una “increspatura” dello spazio tempo che si propagano nell’universo dovute all’azione gravitazionali di grandi masse in movimento. che cambiano la “geometria” dello spazio.
      C’è un premio Nobel già assegnato a chi lo troverà.
      Ciao

      Mi piace

      • MARGHIAN ha detto:

        Immaginavo, infatti, chela scoperta di un effetto gravitazionale non implicasse la scoperta della particela mediatrice della gravità. Speriamo che venga scoperta, gia’ che ci siamo. Ciao.

        Mi piace

  4. MARGHIAN ha detto:

    infn, mi correggo.

    Mi piace

  5. mariella54 ha detto:

    Ciao Bruce e Marghian bene o male mi sono fatta una piccola idea su queste onde gravitazionali ma quello che il mio cervello non capisce è lo spazio tempo ,per esempio cosa vuol dire:Onde d,urto che attraversano “lo spazio tempo” proprio non ci arrivo a capire ,so cos,è lo spazio cos,è il tempo ma lo spazio tempo non riesco proprio a capire come si può concepirlo .Scusate la mia ignoranza

    Mi piace

    • bruce ha detto:

      Ciao mariella, non c’è una spiegazione semplice sul concetto spazio tempo. Non l’avevano capito nemmeno i fisici quando Einstein presentò la sua teoria che prevedeva questo concetto.
      Provo a darti una spiegazione personale.
      Tutto dipende dalla massa di un corpo. Più grande è la massa più forte è la attrazione che esercita nello spazio attorno a se e di conseguenza sugli altri corpi (masse).
      Ebbene queste grandi masse distorcono lo spazio. E’ come se lo spazio fosse elastico. Una navicella spaziale che prima percorreva uno spazio rettilineo su questa tela elastica, questo percorso rettilino diventa curvo (la tela si affossa) sotto l’azione di grandi masse, cioè ha un’altra lunghezza. Ora se prima misuravamo con un orologio il percorso rettilieno, in presenza di un grande campo gravitazionale l’orologio non segna più lo stesso tempo. In pratica il tempo segue la stessa sorte della distorsione dello spazio.
      Infatti in fisica un evento è caratterizzato dalla sua posizione individuata dalle tre coordiante spaziali (x,y,z) e dal tempo che accompagna quell’elemento. Insomma spazio e tempo vanno sempre a braccetto.

      Ora faccio un esempio banale. Imagina di percorrere l’autostrada Roma-Milano ed ci impieghi 5 ore. Ora se per qualche motivo la stessa distanza tra i due punti viene accorciata è evidente che cambia anche il tempo di percorrenza.
      Ciao

      Mi piace

      • mariella54 ha detto:

        Ciao Bruce ,ma come fa lo spazio ad essere elastico?La mia mente non lo concepisce un esempio lo spazio della mia cucina lunghezza larghezza altezza come può messo in condizioni analoghe dell,universo come può dive ntare elastico ,incurvarsi ?No,no è troppo per me,certo che mi piacerebbe che la mia mente potrebbe capire queste cose cosi affascinanti,continuerò a seguiti magari qualcosa mi entrerà in testa,complimenti perché sai spiegare molto bene concetti così complicati

        Mi piace

        • bruce ha detto:

          Grazie mariella, hai un caffè pagato per i complimenti fatti. Allora ti faccio un altro esempio, che non c’entra assolutamente niente e i fisici teorici mi perdoneranno: fai una foto alla tua cucina con una normale macchinetta fotografica e poi fai la stessa foto con un grandangolo. La cucina ti viene tutta … distorta come stiracchiata. Come una cucina elastica. Potrebbbe essere la tua cucina soggeta all’azione di una grande forza gravitazionale.
          Ciao.

          Mi piace

  6. MARGHIAN ha detto:

    Ciao Bruce, e Marie’. Pare che stesso Einstein, pre sua stessa ammissione, non fosse in grado di immaginare lo spazio curvo. In una rivista che lessi, venne riportata una sua frase, tipo: “non e’ facile visualizzare mentalmente lo spazio curvo, non ci riesco neppure io”. Si ricorre percio’ all’eempio della tela che si affossa sotto il peso di oggetti tipo palline da biliardo (che rappresentano le grandi masse, i corpi celesti), che rende comunque abbastanza bene l’idea.

    “se per qualche motivo la stessa distanza tra i due punti viene accorciata è evidente che cambia anche il tempo di percorrenza”. Infatti, e si deve parlare anche di “tempo proprio”: per chi viaggiasse a ridosso della velocità della luce, il tempo sembrerebbe scorrere in maniera normale (non direbbe “il tempo non passa mai, come quando si e’ al lavoro😆 ) mentre un ipotetico osservatore “fermo” , vedrebbe le cose intorno al “viaggiatore relativistico” succedersi con estrema rapidità. Ciao🙂

    Marghian

    Mi piace

    • mariella54 ha detto:

      Se nemmeno Einstein era in grado di immaginare lo spazio curvo come ci posso arrivare io?Un saluto a tutti e due ,continuate a parlarne che questi argomenti mi piacciono anche se poco intendo

      Mi piace

      • bruce ha detto:

        Non lo intendiamo anche noi, facciamo finta per non passare per fessi🙂 L’unico che lo capisce è il mio cane che se la ride.

        Mi piace

        • mariella54 ha detto:

          Beata innocenza !E noi qui a diventar matti a cercare certezze.Buona giornata

          Mi piace

          • bruce ha detto:

            Ciao mariella, ti dico di più.
            Dopo la euforica sbornia della scoperta delle onde gravitazionali, è arrivata la grande frenata di Antonio Zichichi.
            Cosa dice Zichichi? Tutto bello, tutti felici e contenti, ma non serve a niente.
            Il perché lo spiega puntando tutto sulla riproducibilità. La riproducibilità produce nuove tecnologie, la pura osservazione, com’è quella delle onde gravitazionali o di altri fenomeni nel cosmo, non potrà mai portare a invenzioni tecnologiche.
            Che ce l’abbia con Einstein?

            Mi piace

  7. MARGHIAN ha detto:

    Ciao Bruce. Mi sa che Zichichi ce l’ha con Einstein, o quanto meno non e’ il suo preferito. In tv disse che che Einstein era per certi versi pressappochista, fantasioso e non tanto “galileiano” come dice sempre lui (come sai,”galileiano” significa proprio dimostrare con delle prove, la riproducibilità e coso). Zichichi una volta si espresse cosi’: “se ad Einstein si diceva “guarda che c’e la forza nucleare da considerare”, e lui diceva “dettagli, lasciami in pace…”. In un’altra occasione disse “noi diciamo “Einstein, Einstein, ma guardate che non c’e solo lui, e non e’ il migliore… Dirac, ecco. La scoperta delle particelle con un solo polo magnetico, firmato..Dirac..”. Ciao.

    Mi piace

  8. MARGHIAN ha detto:

    Ah, dimenticavo ( su Zichichi): “il vero grande genio, non e’ Einstein, ma Galileo”.

    Mi piace

    • mariella54 ha detto:

      Si vedrà con il tempo cosa ci porterà questa scoperta ,se una cosa non è riproducibile lo so che per la scienza non ha valore ma in questo caso le onde sono state scoperte penso che con il tempo si inventerà “macchine “sempre piu sofisticate per la ricerca in fondo a noi ci mancano gli attrezzi per fare nuove scoperte

      Mi piace

Il tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...