Onde gravitazionali, forse l’origine nei buchi dello spaziotempo.

wormhole

Il primo segnale delle onde gravitazionali catturato nel settembre 2015 potrebbe non essere stato emesso dalla collisione di due buchi neri, ma da oggetti molto più esotici: dei tunnel dello spaziotempo, i cosiddetti wormhole.

È l’ipotesi, pubblicata sulla rivista Physical Review D, elaborata da un gruppo di astrofisici per spiegare alcune anomalie in contrasto con le leggi della fisica quantistica che governano il mondo delle particelle.
Secondo i ricercatori dell’università belga di Lovanio, il problema è la presenza nei buchi neri di un confine, l’orizzonte degli eventi, oltre il quale questi ‘mostri cosmici’ grazie all’enorme gravità ingoiano tutto ciò che capita loro a tiro, luce compresa. Un aspetto in conflitto con le leggi della meccanica quantistica, che prevedono che le informazioni non possano essere perdute, risucchiate da un buco nero.

Gli autori della ricerca hanno quindi sostituito i buchi neri con due wormhole, privi di un orizzonte degli eventi, e hanno elaborato un modello teorico per spiegare che aspetto avrebbe il segnale prodotto da questi oggetti esotici.
Un’ipotesi recente che si sta studiando con attenzione.

Un wormhole è una sorta di tunnel nello spaziotempo, come quello scavato da un bruco in una mela, che può collegare due punti molto distanti dell’universo attraverso una scorciatoia.
Previsto dalla Teoria della Relatività, non è mai stato visto.
E’ un oggetto ancora ipotetico, ma se fosse confermato, sarebbe una scoperta epocale, un ponte verso una nuova fisica.

(fonte: Ansa.it)

 

Informazioni su bruce

Ingegnere. Io sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci tu. (Massimo Troisi)
Questa voce è stata pubblicata in Attualità. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Onde gravitazionali, forse l’origine nei buchi dello spaziotempo.

  1. Andrea ha detto:

    Buongiorno Silvano , non fu prova della concreta esistenza dei “wormholes” la rilevazione di segnali ricevuti da Eridani situata a circa 10 anni luce di distanza ( in realtà provenienti da un satellite del programma SETI inviato nel 2003) come conseguenza dell’ingresso della sonda nel tunnel spazio-temporale ?
    Un saluto

    "Mi piace"

    • bruce ha detto:

      Ciao. Su questo fatto si è discusso molto all’epoca e c’è molta letteratura.
      Tuttavia i dubbi sono ancora molti perché la sua esistenza viene ipotizzata non dalla sua evidenza, ma su altre considerazioni.
      Esprimo i miei dubbi che ovviamente è solo un vous parler:
      – Il satellite, a cui è stato attribuito il messaggio radio sparisce a circa 44 milioni di chilometri di distanza dalla Terra, praticamente qui vicino, dove sarebbe stato ‘intercettato’ dal wormhole. Mi pare strano che un wormhole per quanto piccolo (di massa 1/100 della Terra) ancora oggi non ne è stata individuata la presenza, diretta o indiretta.
      – Un wormhole si comporta come un buco nero, ovvero ogni cosa che gli cade dentro viene “stritolato”. Il satellite ne esce sano.
      – Un wormhole è instabile e serve una enorme quantità di energia per renderlo stabile e permettere al satellite di attraversarlo. Energia che il satellite non possedeva.
      – Il satellite ricompare dopo dieci anni a dieci anni luce di distanza. Praticamente ha viaggiato alla stessa velocità della luce. E questo apre molti altri interrogativi, perchè dipende dalla curvatura dello spazio, ovvero dalla capacità del wormhole a curvare lo spazio su se stesso.
      Ma non sono uno scienziato.
      Un saluto.

      "Mi piace"

  2. musil87 ha detto:

    Tra questi il nostro Paolo Pani, giovane genio astrofisico che ha elaborato la teoria insieme ai suoi colleghi già in occasione del primo rilevamento GW del 2014. Non una novità insomma. Oltre al wormhole (che comunque conterrebbe nella sua strettoia anche materia esotica), anche una gravastars con un nucleo di materia oscura la cui pressione di radiazione compenserebbe l’enorme gravità. Come dire, si passa dalla padella di un ‘problematico’ orizzonte degli eventi alla brace di una enigmatica materia oscura.

    Piace a 1 persona

Il tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...