Costellazioni – parte seconda: lo zodiaco

Eccoci a parlare delle costellazioni.

Ci eravamo lasciati dicendo che il cielo sopra di noi (la sfera celeste) è in continuo apparente movimento. Che il firmamento è soggetto ad un movimento apparente dovuto alla rotazione terrestre.
Ricordiamoci di questo termine: “apparente”, perché ci tornerà utile.

La sfera celeste quindi è solo un concetto che ci aiuta a posizionare le stelle in cielo. Possiamo immaginarla come il luogo dove sono appiccicate ovunque le stelle.

Ora, caro amico fedele – dico al mio cane – devi prestare un po’ di attenzione.
Nella rivoluzione attorno al Sole la Terra compie una traiettoria ellittica. Il piano che contiene l’orbita terrestre è detto piano geometrico. L’intersezione con la sfera celeste genera un cerchio di massimo raggio chiamato “eclittica”.

Ma cos’è in realtà questa eclittica?
Ecco che ritorna il termine apparente.
Per capire questo concetto immaginiamo la Terra che ruota attorno al Sole. La traiettoria della proiezione del Sole sulla sfera celeste descrive un cerchio che è per l’appunto l’eclittica.
La eclittica è dunque il percorso apparente che il Sole compie in un anno rispetto allo sfondo della sfera celeste.

zodiaco

Bene, una volta capito il significato fondamentale che gioca la eclittica nella astronomia ora passiamo ad un altro concetto altrettanto importante prima di passare alle costellazioni: lo zodiaco.

La zona della sfera celeste di 8° sopra la eclittica e 8° sotto l’eclittica viene chiamata fascia dello zodiaco.
La fascia dello zodiaco ha una particolarità: tutti i pianeti e la maggior parte degli altri corpi celesti del sistema solare sono visibili solo nella regione dello zodiaco. Un osservatore che vedesse un oggetto molto luminoso al di fuori della regione zodiacale sa che non può trattarsi di un pianeta.

Ma cosa c’entra lo zodiaco con le costellazioni? – mi osserva il mio fedele amico

Hai ragione – dico al mio cane – Un attimo di pazienza. E’ giunto il momento di dire cosa sono le costellazioni.
Una costellazione è semplicemente un “apparente” raggruppamento di stelle formato su tutta la sfera celeste. Si tratta di una raffigurazione esclusivamente prospettica a cui la moderna astronomia non riconosce alcun reale significato scientifico, in quanto nello spazio tridimensionale le stelle che la costituiscono possono essere separate anche da distanze enormi, così come diverse possono essere le dimensioni e la luminosità.

Allora perché parliamo di costellazioni?
Perché è così fin dai tempi dell’antichità quando probabilmente si avvertiva la necessità di legare le stelle a racconti mitologici, o è nata dalle necessità della vita quotidiana o di culto.
C’è stata molta confusione fino al 1930 quando l’Unione Astronomica Internazionale (IAU) divide il cielo in 88 costellazioni ufficiali con confini precisi, di modo che ogni punto della sfera celeste appartenga ad una ed una sola costellazione.

Non c’è una ragione particolare per cui le costelazioni debbano essere necessariamente ottantotto o debbano avere la forma attribuita. Le forme ed i nomi sono frutto della storia e della loro fantasia.
Già in età antica Tolomeo ne elencò altre 36 in aggiunta alle 12 conosciute. In tempi più recenti, a questa lista sono state fatte delle aggiunte, in primo luogo per riempire i buchi fra i tracciati tolemaici (i greci consideravano il cielo come comprendente costellazioni e spazi vuoti tra di esse), e in secondo luogo per riempire l’emisfero meridionale, quando gli esploratori europei, nei loro viaggi, riuscirono a vederlo.

zodiaco2.gifEd eccoci arrivati al nostro zodiaco.
La fascia dello zodiaco è diviso in 12 settori uguali di 30 gradi ciascuna, chiamati segni dello zodiaco. I segni dello zodiaco conservano i nomi delle costellazioni che li occupavano oltre 2000 anni fa.
Quindi nel suo moto apparente il Sole attraversa solo 12 costellazioni (segni zodiacali) delle 88 costellazioni che “addobbano” la sfera celeste.
Possiamo dire quindi che le dodici costellazioni che intersecano l’eclittica compongono lo zodiaco.

In realtà lo zodiaco comprende anche la costellazione di Ofiuco a cavallo tra il Sagittario e lo Scorpione che non fa parte dello zodiaco astrologico.
Le tredici costellazioni dello Zodiaco sono: Pesci, Ariete, Toro, Cancro, Gemelli, Leone, Vergina, Bilancia, Scorpione, Ofiuco, Sagittario, Capricorno, Aquario.


eclittica1


La illustrazione rappresenta il moto “apparente” del sole lungo l’eclittica attraversando in tempi successivi i dodici segni dello zodiaco. (clicca sulla illustrazione per ingrandire)

Ma in realtà a cosa servono oggi le costellazioni con i moderni strumenti di navigazione? – mi domanda in maniera sbrigativa e decisa il mio cane.

Giusto. Oggigiorno le costellazioni – gli rispondo – forniscono agli astronomi moderni un modo di suddividere il cielo in regioni utile per facilitare la localizzazione degli oggetti. Infatti uno dei primi obiettivi di un astrofilo è imparare le costellazioni, quando una costellazione è visibile e in quali costellazioni ci sono gli oggetti più interessanti da osservare.

Ma attenzione: l’astronomia non va confusa con l’astrologia, che è una pseudoscienza.
Secondo le persone che credono all’astrologia, avere Saturno in Ariete può essere una cosa seria per il malcapitato, mentre Giove nel Leone è il massimo della goduria.
Sostenere che ci sia una relazione tra il moto apparente del Sole e dei pianeti nello zodiaco che determinano gli eventi personali e collettivi non ha alcuna rilevanza scientifica.

Capito mi avete?

Ti potrebbero interessare anche:
 sfera celeste1
cometa01 
 Il triangolo invernale 2013
Costellazioni – parte prima: la sfera celeste
La cometa di Pasqua
Il triangolo invernale

Advertisements

Informazioni su bruce

Ingegnere. Io sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci tu. (Massimo Troisi)
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

42 risposte a Costellazioni – parte seconda: lo zodiaco

  1. MARGHIAN ha detto:

    Interessante, mi leggero’ tuto con calma, adesso solo un :)comunicato: ti ho risposto da Ross.
    A presto..

    Marghian

    Mi piace

  2. MARGHIAN ha detto:

    Letto tutto. Ma.. accetta la correzione di un sardo: “capito mi avete?” (pronunciate: :)”cappitto mi avvette?”).

    Cappitto, cappitto, :)io lo so che le costellazioni sono apparenti, meno lo sapeva la mia collega (“guarda che i segni ci sono, eh?” 😆 Per lei ce li aveva messi Dio, i “segni”, non la fantasia dell’uomo).

    E nella “eclittica” avvengono anche tutte le eclissi..si chiama cosi’ per questo, vero? :)Ciao Bruce..

    Marghian

    Mi piace

    • bruce ha detto:

      Grazie marghian, sì è vero anche per le eclissi. Vedo che sei attento. Bravo.
      Mi fa piacere che ho pensato a te mentre scrivevo capito mi avete. La prossima volta lo scrivo come si pronuncia.
      Ciaoooooooo

      Mi piace

  3. MARGHIAN ha detto:

    Pero’ si puo’ dire che l’astronomia e’ “figlia dell’astrologia”, dato che ..forniscono agli astronomi moderni un modo di suddividere il cielo in regioni utile per facilitare la localizzazione degli oggetti.

    E c’e poi che.oggi i segni non tornano, giusto? Io, “acquario”, lo sarei stato piu’ di 2000 anni fa, oggi sono, in realta’, del “capricorno”, con tutto cio’ che -non- ne consegue. Ciao.

    Mi piace

    • bruce ha detto:

      Effettivamente si può dire che l’astronomia è figlia dell’astrologia che inizialmente era figlia dell’astronomia.
      Bel gioco di parole vero?
      Perchè i primi uomini a scrutare il cielo certamente non lo facevano per fare l’oroscopo, poi i maghi si sono impossessati del cielo che a sua volta è stato riappropriato dall’astronomia ed oggi dalla astrofisica.
      E’ vero anche dello spostamento dello zodiaco nel corso dei millenni. Brutto segno il capricorno, per fortuna non sei sposato :mrgreen:
      Ciao e buona notte.

      Mi piace

      • MARGHIAN ha detto:

        “Brutto segno il capricorno, per fortuna non sei sposato” (non so fare l’emoticon, il “copia” non me lo “copia”). E meno male che non ci credi!!!! 🙂
        Scherzo ovviamente.

        ” l’astronomia è figlia dell’astrologia che inizialmente era figlia dell’*astronomia”. Caspita, ci ho pensato subito dopo aver fatto “invia commento”!. Gia’ osservare la posizine delle stelle e capire che “e’ tempo di raccolto” (e’ estate o che so io) e’ gia’ astronomia, scienza, seppure empirica.Ma la superstizione e’ innata nelluomo, percio’…diciamo che l’astrologia e l’astronomia sono sorelle, cosi’ tagliamo la testa al toro (alla costellazione del toro, si capisce). Ciao Bruce (grazie per avermi pensato, “ge lo avvevvo cappitto”.
        “Ge” e’ una locuzione intraducibile che usiamo nel sardo e, parlando in italiano… ce la mettiamo.

        Mi piace

        • bruce ha detto:

          Ah, ah, ah, ovviamente scherzo anch’io su queste cose.
          Sicuramente hai capito che mi riferivo al nome. Per curiosità sono andato a leggere il tuo segno zodiacale.
          Senti, senti:

          In generale:
          I nati sotto il segno del Capricorno sono notoriamente dei grandi diplomatici. Sanno essere responsabili, ma anche materialistici e spesso pessimistici. Tendono ad essere un po’ snob, desiderosi di raggiungere il vertice sociale e grazie alla loro infinita pazienza, sanno anche come coltivare le persone giuste che li aiutino a realizzare i loro scopi. Durante la gioventù hanno al tendenza a sciupare tempo e denaro, ma una volta adulti per loro la sicurezza ed un conto in banca diventano immensamente importanti. Non hanno mai fretta, non sono impulsivi e credono nella buona educazione, che li aiuta a raggiungere una posizione di potere.

          Un Capricorno desidera sempre credere in un potere più alto, perché una volta raggiunto un traguardo, se non c’è altra meta cui rivolgersi ha bisogno d’introspezione. I nativi possono essere suscettibili ai reumatismi e alle artriti. La costituzione fisica di solito si irrobustisce quando invecchiano. Il Capricorno è un segno che fa tendere al celibato perché troppo riservato ed egoista per una vita coniugale. Anche fuori del matrimonio sarà portato ad una vita di coppia volta al possesso, non sarà quindi in grado di dare tenerezza né calore. Tra la gente, tenderà ad esibire, come biglietto da visita, la sua ricchezza (vera o presunta) convinto che questo biglietto da visita lo possa aiutare di fronte alle persone più in vista di lui e che ambisce raggiungere. L’ambizione di raggiungere vette sociali è sempre in ogni caso presente in questo segno ed obbedisce a due forti imperativi: orgoglio e sete di potere.

          Capricorno in amore:
          L’amore richiede fatica per i nati sotto questo segno, oltre a doveri e responsabilità, se non si vuole vederlo dissolto nel nulla a fronte delle prime difficoltà. Le promesse, per i nati sotto questo segno, non sono parole bensì pietre miliari, e una volta fatte, vanno rispettate ad ogni costo.
          Per questo anche in amore sono molto cauti e vogliono essere sicuri del successo del loro rapporto e dell’impresa che hanno iniziato. In seguito, gettano le fondamenta della stima, del rispetto e dell’affetto, lasciandosi andare e scoprendo il lato più gradevole e leggero dell’amore.

          Capricorno e amicizia:
          Hanno spesso un vasto giro di amicizie e conoscenze che frequentano principalmente per avere prestigio e trarne qualche vantaggio, ma che tuttavia lasciano poche tracce dentro di loro. Nella scelta degli amici veri sono molto difficili, a causa di una diffidenza di base che ha bisogno di tempo per essere accantonata.

          Non mi dire che tu ci credi? 😆

          Sinceramente non so come fanno a mettere insieme tutte queste sciocchezze.
          E da dove le tirano fuori (punto di domanda).

          Mi piace

          • MARGHIAN ha detto:

            Poi leggero’ il “mio” oroscopo…

            Capito, Marghian ha capito. E nel post e nei commenti c’e chiaro e limpido: “ipotesi” (almeno su universi paralleli e “altre bolle”, gia’ ne abbiamo abbastanza con le bollette 😆 ).

            Anche l’altro post “siamo visitati dal cielo?” (non ricordo bene come l’ ho intitolato) non ha nessuna pretesa affermativa, anche perche’ mancano -e non soltanto a me- le “prove straordinarie”- Si’, conosco Sagan-.
            “Alcuni scienzziati”, hai ragione. Pero’ e’ anche vero che sulle teorie (non certo le mie, che poi sono di altri..dettagli a parte) si basa il lavoro concreto. Chiaro, devono essere teorie che “stanno in cielo ed in terra” e non..come si suol dire.

            Fai bene ad essere sincero, ma… :)questa musichetta c’e solo da pochi giorni, praticamente..sto facendo come tu mi consigli. Le mie composizioni non sono molte, a meno che non lavori sodo in queste settimane, ma…le sto gia’ facendo girare, a turno.
            Ah, sai come si chiamava questa musichetta prima che la rinominassi? indovina… “Relax” -“ci avrei giurato”..hai pensato questo 🙂 giusto? Ciao Bruce.

            Marghian

            Mi piace

  4. MARGHIAN ha detto:

    Prima di apprendere la nozione sull’eclittica, io di mio pensai: “Il Sole, in certo senso, “eclissa” solo quelle costellazioni, magari e’ per questo che vien detta “eclittica”. Era sbagliato, ma mi ci ero arrivato vicino 🙂
    Ciao.

    Mi piace

  5. ross ha detto:

    Azz, ce ne vuole di tempo per leggervi! Il post non l’ho ancora letto, ma l’ho stampato,domani dopo pranzo e prima di..beautiful, me lo leggerò. Ebbene sì,è lunica telenovela che guardo, d’altra parte anch’io ho qualche difettuccio.. Ma quando fate gli anni? (tanti! :D)
    felice notte, Ross 😀

    Mi piace

    • bruce ha detto:

      Ciao Ross, tranquilla per beautiful, è la telenovella più seguita da 100 anni (o giù di lì) a questa parte 😆

      Anche a me piacerebbe conoscere i vostri compleanni, una volta me li ero segnati, ma non ricordo più dove :mrgreen:
      Ciao
      Bruce

      Mi piace

      • MARGHIAN ha detto:

        Presto fatto, il mio compleanno, il 24..di gennaio, praticamente ci siamo (e sono 60…..)

        Mi piace

      • ross ha detto:

        Caspita Bruce, qui ce n’è da leggere. Non sapevo però che tu fossi anche astrologo, io sono della bilancia, segno complicato 😀
        Per quanto riguarda le costellazioni, mi sono stampata il post e l’ho letto mentre ero in una delle innumerevoli attesa che mi tocca fare in ospedale per visite e quant’altro. Però lo devo rileggere perchè non è semplice, come Bleff ho un pochino di difficoltà di apprendimento. Alla prossima, ciao 😀

        Mi piace

      • ross ha detto:

        Il tuo, di compleanno, però non lo so ancora, qui ET mi sollecita la data perchè vuole farti l’oroscopo. Io sonoa nata il 15 Ottobre19.. non ricordo bene le ultime due cifre.
        MMMMM sento odore di spezzatino con patate, vado a pranzo. Buon appetitoooooo!! 😀

        Mi piace

        • MARGHIAN ha detto:

          Buon appetito, Ross….eh, qui si torna all’argomento preferito di noi (terrestri), argomento non molto diverso da quello di Blef, Nives -la mia gattina- ed altri animali: Sua Maestà il Cibo. Io non sento odore di niente-per ora-, lo sentiro’ quando comincero’ a cucinare (la pasta, per non scervellarmi a scegliere). Ciao.
          Ciao Bruce & Blef.

          Marghian

          Mi piace

          • ross ha detto:

            Vero sua maestà il cibo, ma io mi domando ” ma perchè nostro Signore ci ha fatti carnivori?” tutti quei milioni di animali uccisi,…mah! Se invece ci faceva erbivori, mi mangiavo un bel piattone di erba e restavo magra…. 😀 ciao

            Mi piace

        • bruce ha detto:

          Cara Ross, credo di verlo riportato almeno tre volte, anche da marghian: 20/9. Vergine 😆
          Ciao

          Mi piace

          • MARGHIAN ha detto:

            :)io me ne sono ricordato, usando un trucchetto “menemonico”, lo faccio spesso, pensai a “La breccia di Porta Pia”, alla cui data e’ dedicata ovunque una via, .XX settembre (ma ho lasciato che a Ross glielo ricordassi tu)…

            Mi piace

  6. gabriarte ha detto:

    penso che nascere in un periodo in cui la terra è più distante dal sole comporti delle diversità di carattere da chi invece nasce in un periodo in cui la terra è più vicina in fondo anche la natura ha dei cambiamenti non credo nell’astrologia ma facciamo parte anche noi di questo ciclo sono nata il cinque di novembre sotto il segno dello scorpione e da questa costellazione ti auguro una buona serata ciaoooooooooo

    Mi piace

    • MARGHIAN ha detto:

      Gabriarte, questo e’ gia’ un modo appena appena piu’ scientifico di vedere le ifnluenze “cosmiche”…che poi verrebbero “solo” dalla nostra stella, e non da gruppi di stelle il cui influsso gravitazionale ed energetico-date le loro enormi distanze!!- e’ meno dei muri della stanza dove si nasce, muri che hanno moooolta meno massa ma sono a pochi metri dalla “scena del parto”.
      Pero’ bisognerebbe provare, vedere con metodo scientifico quanto e se questo influisca sul “carattere” di chi nasce in un dato periodo dell’anno. C’e poi da considerare che la vicinanza o meno dal Sole e’ “controbilanciata” da tanti altri fattori. Da noi, ad esempio, adesso e’ inverno (si dice..ribarisco si dice..che chi nasce in inverno sia piu’ melanconico, tendente a deprimersi e coso), ma il Sole e’ piu’ vicino alla Terra che quando saraà estate nel nostro emisfero. La distanza Terra-Sole, poi, varia di pochissimo, sai? Possiamo affermare senza tema di errori che l’orbita della Terra intorno al Sole e’..quasi circolare, e c’e anche altro da valutare…magari capita che la Terra e’ in perielio (massima vicinanza al Sole) e magari… ci sono poche macchie, ed in afelio (massima distanza dal Sole) e puo’ capitare che il Sole e’ molto piu’ attivo. Difficilissimo, credo, stabilire tali influssi da parte del Sole. Come riuscire a calcolare, poi, le differenze fra chi nasce a meta’ gennaio e chi a meta’ febbraio, intervallo in cui la distanza della Terra dal Sole e’ praticamente la stessa?
      E se.il nucelo della Terra avesse una influenza maggiore? Se un bambino nasce proprio sopra ad una attivita’ magmatica sotterranea potente, e quindi magnetica tale da “annullare” gli influssi del Sole, molto piu’ distante?. E la Luna, piccolina e che splende di luce riflessa ma crea amree molto piu’ grandi di quanto non faccia il Sole? Quanto conta l’uno, e quanto l’altra? L’idea e’ buona, comunque…se non erro i Maya avevano anche una astrologia basata sulle macchie solari, e chissa’, forse, cooscevano i cicli di attivita’ solare, soprattutto quello di undici anni..chissa’. Ciao.

      Marghian

      Marghian

      Mi piace

      • gabriarte ha detto:

        lascio a voi esperti la mia sensazione perchè io non saprei darvi una risposta è solo un mio ragionamento. Hai ragione quando dici che le cause sono talmente tante che è impossibile dimostrare scentificamente che il nostro carattere possa avere dei mutamenti nel periodo in cui si nasce ma penso ai fratelli come possono essere così diversi non è solo un fatto genetico ma secondo me fa parte di un insieme di tantissime cose che si incastrano l’una all’altra attraverso il movimento dello spazio. Difficile spiegarvi il mio pensiero anche perchè io non conosco i termini dell’astrologia Ti ringrazio per la tua risposta e ti auguro una buona serata ciao

        Mi piace

        • bruce ha detto:

          Ciao gabri, benvenuta in queste discussioni da cui moltissime persone si tengono alla larga (specie le donne) e questo ti fa onore ed aumenta la mia stima.
          Buona giornata

          Mi piace

        • bruce ha detto:

          Però una cosina la voglio dire in aggiunta a quanto hai detto.
          In relatà in quello che dici c’è un po’ di verità, ma mi limiterei solo all’influenza della Luna.
          Conosciamo benissimo noi maschietti la irritabilità delle donne in …. quei periodi che guarda caso coincidono con le fasi lunari, lunatiche per l’appunto. 😆
          Ovviamente scherzo (?)

          Ma facendo un discorso leggermente più serio, quello che appare assurdo, se ci pensi bene, è che l’intera popolazione mondiale, se sono vere le influenze degli astri, dovrebbe essere regolata in “soli” dodici comportamenti.
          Ovvero le popolazioni nel mondo, le persone nate sotto lo stesso segno, “dovrebbero” comportarsi “tutte” allo stesso modo perchè ugulamente “marchiati” dagli astri all’atto della nascita. Ovvero non esisterebbe più il libero arbitrio. Dodici classi di persone tutte uguali nei loro segni.
          Ciaooooooooooo

          Mi piace

  7. MARGHIAN ha detto:

    “amree ” maree, maree…. e c’e pure una firma in piu’ (caspiterina…)

    Mi piace

    • bruce ha detto:

      Se non ci fosse un “marghian” nel web bisognerebbe inventarlo 😆
      Ciao carissimo

      Mi piace

      • MARGHIAN ha detto:

        Gia’..infatti mi sono..inventato 🙂 Ciao.

        Gabriarte…non sono un esperto (capirai!!!) leggo di queste cose, sento trasmissioni su queste cose…che se le studi partendo dalla base, le impari (seppure, ^come me, a livello di conoscenze di base, dicesi “infarinatura”).
        “Dodici comportamenti….” gia’, ma chi ci crede ed e’ “esperto” in astrologia ti direbbe che devi considerare quali pianeti sono in opposizione, congiunzione, trigono, e quale l’ascendente, alla fine-per chi ci crede- ottieni un mix di tipologie caratteriali ben oltre il numero di dodici. “Le decadi” e per ogni decade hai tre tipologie diverse ogni mese.

        E sul libero arbitrio l’astrologo ti dice che “gli astri inclinano ma non determinano”.
        Sul libero arbitrio io aprirei un capitolo a se’. Pur se gli astri non inclinano, non determinano, il libero arbitrio e’ condizionato da tanti fattori che lo rendono, forse, parziale….

        Oh oh… devo commentare ancora il mio oroscopo personale che tu mi hai stilato, considerando il mio “vero segno”, il capricorno…. 🙂
        Ciao.

        Mi piace

        • bruce ha detto:

          Questa mattina erano le 4,30 che sono dovuto uscire a portare il cane fuori che grattava la porta della camera da letto.
          Ma si può svegliare la gente a quell’ora per fare i … bisogni? Lui mi ha risposto che i bisogni sono bisogni.
          E così lungomare ho ammirato il cielo stellato e ripassato le lezioni. Venere è sempre lì, poi Orione, Betelgeuse, Procione, Sirio, il Gran Carro e la Polaris. Tutto sotto controllo.

          Allora visto che il sonno è scappato via rispondo a marghian:
          “… devi considerare quali pianeti sono in opposizione, congiunzione, trigono, e quale l’ascendente,…”
          Vero, ma siccome la terra è rotonda e gira ugualmente per tutti ( 😆 ) le posizioni degli astri è uguale per tutti, allora in questo momento e in qualsiasi altro momento la situazione zodiacale vale per tutte le persone nate sotto questo segno. Quindi nulla dovrebbe cambiare, ovvero tutti sarebbero ugualmente influenzati alla stessa maniera.
          Bleff è d’accordo.

          Sul libero arbitrio hai ragione tu, ma chi crede negli oroscopi accetta e crede agli eventi pre-definiti dalle posizioni astrali, che in pratica elimina il libero arbitrio.
          Ma su questo avremo tempo e spazio per perlarne.
          Ora ritorno a ….. dormire.
          Ciao

          Mi piace

          • MARGHIAN ha detto:

            Ma sono d’accordo anche io!! Infatti ho scritto “ma chi ci crede ed e’ “esperto” in astrologia ti direbbe che devi considerare..” ed “esperto” e’ scritto tra virgolette. Ci credo, si’, ci credo.. quanto te,. Gia’ da ragazzino, prima di acquisire la mia infarinatura astrofisica ed astronomica, dicevo: “ma che segni…il carattere di una persona dipende da fattori ereditari-non conoscevo ancora il termine “genetici”-, dalle persone con le quali hai avuto a che fare(famiglia, educazione, amicizie..)..e non dal giorno di nascita” (a proposito, il mio giorno di nascita (in inglese “birth..day”-hai capito di cosa sto scrivendo..- e’ domani. 60 anni… :(caspiterina…. va beh, 🙂 dai!!!

            Grazie del tuo ripasso per rispondere…a marghian (con l’aiuto di Blef….) :)ciao.

            Marghian

            Mi piace

  8. gabriarte ha detto:

    diciamo che non ho paura di dire fesserie rifletto sulle cose che qualcuno mi insegna e dico il mio pensiero. Mi ci vorrebbe un’altra vita e forse più di una per imparare ma provo ad ascoltare anche se mi diventa difficile imparare alla mia età ma mi serve per non invecchiare troppo grazie Silvano ora vado a lavorare ti auguro una buona giornata ciao

    Mi piace

  9. MARGHIAN ha detto:

    No che non ci credo, Bruce. Ma il mio profilo astrologico si avvicina di piu’ a quello dell’acquario, pur se per semplice coincidenza: sognatori, suonatori, o poeti (almeno ci provano come faccio io…) odiano le cose pragmatiche e le fanno proprio perche’ “devono”, e sono tutt’altro che tendenti al materialismo. Ah, all’acquario poi stanno stretti le regole ed i regolamenti, figuriamoci le imposizioni autoritarie…e guai toccargli la liberta’. Amano l’arte eccetera eccetera….

    Pero’..hai fatto un buon lavoro, saresti un astrologo eccezionale (peccato che lastrologia nona abbia una base scientifica….) Ciao.

    Marghian

    Mi piace

  10. MARGHIAN ha detto:

    Ciao ross. “sarebbe bello non essere carnivori….” eh, lo so, i nostri amicia animali. E se scoprissimo che anche le piante soffrono? Non e’ da escludere, sai? Conosci quell’esperimento che sembra far reagire una pianta alla musica, addiruttura la pianta ha un fremito se sul luogo di un delitto passa “l’assasssino” ed ancora, in un altro esperimento, uno prendeva una pianta, strappandole violentemente rami, foglie e petali, un altro accarezzava un’altra pianta della stessa specie. Risultato? Se chi aveva accarezzato la pianta gli sia avvicinava, la pianta reagiva agli strumenti “positivamente” mentre se a questa si avvicinava chi aveva maltrattato la “pianta precedente”, la sua “amica”, ecco che la pianta dava segni di disagio (sempre tramite strumenti elettrici di rilevamento). La pianta, poi, e’ una creatura che comunica, piante che trasmettono messaggi chimici e forse elettromagnetici alle altre piante (ehi, ragazze, pericolo in vista!) hanno la capacita’ di attirare gli insetti e persino di diventare velenose se aggredite. pensa ad una pianta carnivora o a quella che crea una foglia allungata come “rampa di atterraggio” per gli insetti che li’ vengano acchiappati dalla pianta.

    Non so quanto ci sia di scientifico in tutto questo, ma sta di fatto che delle piante noi sappiamo troppo poco, e qualcuno, magari da qualche corrente di pensiero orientale ti direbbe “anche le piante hanno un’anima o, comunque sia, non esiste il cibo “ad impatto zero”. Credo che invece sarebbe bello ..non dover mangiare affatto (dovremmo essere delle entita’ extrafisiche, ma finche’ siamo uomini e donne..tanto vale mangiare di buon gusto anche la carne (non farti troppi sensi di colpa, un animale -tigre o squalo- non ci pensa due volte a divorarti..e’ la legge della vita, Ross.

    Ciao.

    Mi piace

  11. MARGHIAN ha detto:

    Un mio amico, affiliato ad un movimento sulla autoguarigione “Metodo Paris-il fndatore e’ un sardo, cognome “Paris”- per il Risveglio Spirituale” mi fece il seguente discorso: “l’uomo e’ nato vegetariano, come e’ scritto anche nella Bibbia: “prima gli uomini mangiava dei frutti degli alberi, poi vedendo la decadenza e la barbarie in cui erano caduti, Egli concesse loro di mangiare anche la carne”. Io gli dissi, anche se lo sapeva gia’, che “non mi avrebbe convinto” e che forse, ma non per “un peccato” o per “volere di Dio” ma per “stadio evolutivo raggiunto”, l’uomo quando era “pre-uomo” davvero mangiava i frutti, era raccoglitore (Lucy ed altri ominidi), poi inizio’ “per naturale evoluzione” a mangiare la carne, diventanto nel tempo “piu’ uomo” grazie ad una dieta piu’ ricca di sostanze proteiche. “Imparo’ poi a dire carne cotta-carne cruda” come ci disse, alle elementari, una maestra.

    Ma poi diciamocela tutta: SI fa problemi una leonessa a divorare la sua preda? Provate ad accarezzare una “tintorera”, la femmina dello squalo tigre (“bella lei, bella…”) e vedete che fine fa la vostra mano-l’antipasto della bellissima tintorera…-.

    Gli animali sono voraci e mangiatutto quanto l’uomo, non sono cosi’ santerellini. Non facciamoci troppi sensi di colpa. Mangiare la carne cacciando con coscienza, in modo da non depauperare l’ambiente, “riposo biologico” degli stagni, tutto giusto, ma mangiare solo roba vegetale per non essere “ammazza animali” lo trovo esagerato. Chiaramente gli animali vanno stimati e rispettati, ma l’uomo non puo’ non alimentarsi, e deve alimentarsi in maniera completa (purtroppo non siamo-ancora- esseri spirituali o talmente evoluti da nutrirci di “pura energia-luce” come farebbero-Ross, leggi bene…- certi alieni: “noi siamo esseri fatti di pura energia-luce, e l’energia luce e’ anche il nostro alimento: noi emaniamo e riceviamo dall’ambiente e dai nostri simili energia-luce, sempre” -dal “caso Carlos Diaz”-). “Analogamente”, noi siamo fatti di carne, e percio’ la carne e’.anche quella, il nostro alimento (ed il pesce? Sempre carne e’!). Ciao Bruce.

    Marghian

    Mi piace

    • MARGHIAN ha detto:

      “Forse aveva antenati erbivori, (chi lo sa)” Ecco, io ho pensato a “Lucy” per rappresentare tutti gli atenati erbivori. L’homo sapiens mangiava di tutto da qui l’evoluzione in “sapiens-sapiens”, cioe’ noi. Ciao.

      Mi piace

      • bruce ha detto:

        Ciao marghian mi fa piacere che hai letto il mio articolo. E vedo che anche tu usi la ragione e non ti lasci trasportare da certi estremismi, che diventano un vero e proprio fanatismo alimentare.
        In tutte le cose ci vuole razionalità e buon senso. Dio ha “inventato” la catena alimentare e, piaccia o non piaccia”, ci ha posti al vertice della catena alimentare.
        Quello che conta è ridurre al limite la sofferenza degli animali per l’alimentazione, al contrario della natura che fa dei felini (mangiaotri di carne) dei veri “feroci” assassini, che producono sofferenze e dolore nelle loro vittime.

        Una volta ho detto ad una “fanatica” se sono altrettanto ingiuste le rattizzazioni, l’uccisione di altri animali molesti: calpestare una formica, un ragno, mosche, parassiti delle piante ecc. ecc.
        La risposta? “Che c’entra!”
        Ad un’altra domanda se per eliminare le brutalità dei felini non avessero in mente di eliminare anche loro dalla faccia della terra per creare un mondo solo “vegetariano” (si teorizza anche l’estinzione dell’uomo annivero), la risposta è sempre stata la stessa: “che c’entra!”

        Dio ha creato anche gli idioti e i testimoni di Geova. 😆
        Bruce

        Mi piace

Il tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...