Entanglement tra fotoni.

entaglement

L’Entanglement è una correlazione quantistica a distanza che lega tra loro diverse particelle.
Semplice no!
Semplice a parole – mi dice il mio cane – ma in pratica cosa significa?

Il principio, per quanto difficile da capire, si basa sul fatto che se due particelle vengono in qualche modo a contatto mantengono un legame anche se separate spazialmente. Esse rimangono in qualche modo legate indissolubilmente (entangled), nel senso che quello che accade ad una di esse, si ripercuote istantaneamente anche sull’altra, indipendentemente dalla distanza che le separa.

Cosa c’entra con le particelle?
Beh, questo l’avevo già spiegato – mi rivolgo al mio cane mentre  gli tolgo la mia ciabatta dalla bocca prima che la faccia a pezzi.

Faccio un esempio. Due fotoni che interagiscono tra loro conservano una parte della loro quantità di moto (q=m*v, massa per velocità). Una legge fisica dice che la quantità di moto di un sistema isolato resta costante.
Quindi se conosciamo la quantità di moto totale e di una particella, allora conosciamo anche la quantità di moto dell’altra particella anche se è dall‘altra parte dell’universo.

Da qui si capisce l’importanza di fruttare questa proprietà. Questo risultato è un importante passo in avanti nell’ambito della ricerche mirate alla realizzazione di computer quantistici, che dovrebbero surclassare quelli convenzionali per potenza di calcolo.

Bene, un altro passo avanti è stato fatto.
Alcuni recenti esperimenti hanno prodotto l’entanglement tra i momenti angolari orbitali di due fotoni.

Per chiarezza bisogna dire che il momento angolare dei fotoni non è altro il loro spin, che, nella meccanica classica, è associata al moto di rotazione di un corpo intorno a un asse.
I fronti d’onda possono avvolgersi a spirale attorno alla direzione di propagazione. In questo caso i fotoni (i quanti di luce) associati all’onda, hanno quindi un momento angolare orbitale.

entaglement tra fotoniSu un esperimento effettuato all’Università di Leiden nel 1992, si sono concentrate di recente le attenzioni dei fisici teorici e di quelli sperimentali.
Nell’esperimentale usato nello studio (W. Löffler/Leiden University): attraversando un cristallo contemporaneamente, quattro fotoni emergono legati dall’entanglement.

Alcuni precedenti esperimenti hanno prodotto l’entanglement tra i momenti angolari orbitali di due fotoni, mentre il gruppo di Löffler, per la prima volta, è riuscito a ottenerlo per ben quattro fotoni, facendo in modo che passassero nello stesso istante in un cristallo.

L’interesse destato è dovuto al fatto che i momenti angolari orbitali di due particelle possono essere legati tra loro dall’entanglement, una correlazione a distanza che tanto aveva perplesso Albert Einstein.

Il risultato è importante perché fa progredire non solo la conoscenza di base su questo tipo di sistemi fisici, ma anche la capacità di manipolarli e sfruttarli in prospettiva per il calcolo quantistico. Le grandezze fisiche associate ad atomi e fotoni, infatti, possono essere usate per codificare i qubit, l’analogo quantistico dei bit, le unità d’informazione binaria.

Mente i bit possono assumere i valori “0” e “1” in corrispondenza dei due stati di un interruttore elettrico in un computer convenzionale, i qubit potrebbero assumere molti più valori, grazie alla capacità dei sistemi microscopici di assumere diversi stati o contemporaneamente una loro sovrapposizione. La quantità d’informazione codificabile sarebbe quindi maggiore, e il calcolo quantistico potrebbe essere estremamente più potente rispetto al calcolo convenzionale. L’entanglement, d’altra parte, è la base ideale per comunicazioni perfetto nel calcolo quantistico.

(fonte: Le Scienze)

 

Informazioni su bruce

Ingegnere. Io sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci tu. (Massimo Troisi)
Questa voce è stata pubblicata in Fisica, Scienza, Tecnologia e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Entanglement tra fotoni.

  1. MARGHIAN ha detto:

    Ciao Bruce, sapevo dell’entanglement. Non conoscevo i particolari sugli esperimenti condotti, ma sapevo comunque che “si è avuto prova”. La questione e’ molto affascinante, oltre cheutile per un impiego tecnologico e pratico.
    “una correlazione a distanza che tanto aveva perplesso Albert Einstein”.
    Infatti, Einstein disse proprio che “le particelle non sono telepatiche”. Ciao.

    Marghian

    Mi piace

    • bruce ha detto:

      Vero, molto affascinante perchè libera la mente alla fantasia. Si parla di teletrasporto. Non so. Vediamo gli sviluppi, per ora ci accontentiamo di apprendere cose che nemmeno immaginavamo.
      Ciao

      Mi piace

  2. MARGHIAN ha detto:

    “teletrasporto”. Si’, infatti. Leggendo di entanglement ho letto anche questa parola, con la spiegazione che ad essere teletrasportata da una particella all’altra e’ solo l’informazione. Chissà che non voglia dire la stessa cosa— Ciao.

    Mi piace

  3. MARGHIAN ha detto:

    Ciao Marie’. La strada per il teletrasporto di persone e’ ancora lunghetta. Sai dove sta la difficoltà? Le difficoltà sono tantissime, ma per semplificare te ne cito una: teletrasportare una particella elementare e’ un conto (la particella e’ fatta soltanto di se’ stessa); teletrasportare invece un oggetto complesso, fatto di miliardi di atomi e’ complicatissimo: ogni particella deve essere “al suo posto”, e gia’ per un solo atomo un tale Eisemberg (e’ un cognome tedesco, Rebecca mi scusera’..) diceva che era impossibile determinarne la posizione e contemporaneamente la velocità di una particella, per via del cosiddetto “principio di determinazione”. Comunque, “mai dire mai”. Ciao Marie’🙂

    Marghian

    Mi piace

Il tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...