Una razza umana sconosciuta

 Per tutti quelli che hanno sempre dubitato sulla teoria della evoluzione umana, ora c’è un argomento in più.

Potrebbero appartenere ad una specie umana sconosciuta i resti fossili di uomini preistorici ritrovati all’interno di due grotte nel Sud-Ovest della Cina.

Gli ominidi, vissuti tra 14.500 e 11.500 anni fa, ritrovati dai ricercatori della università australiana del Nuovo Galles del Sud, avrebbero avuto un aspetto inedito, un mix di caratteristiche anatomiche primitive e moderne che potrebbero riscrivere la storia dell’evoluzione umana.

Come è possibile – mi domando – che questa nuova specie si possa essere evoluta in così poco tempo dalla diffusione dell’homo sapiens in tutti i continenti. 

Forse dall’homo erectus – mi risponde il mio cane – perché occupò la Cina  prima dell’homo sapiens.

Che abbia ragione lui? Boh!

(fonte: Ansa)
Advertisements

Informazioni su bruce

Ingegnere. Io sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci tu. (Massimo Troisi)
Questa voce è stata pubblicata in Scienze naturali e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Una razza umana sconosciuta

  1. semprevento ha detto:

    ..beh…pensa a quanti sono i cinesi…
    (secondo una stima del 2010
    la cifra si aggira intorno a 1 miliardo e 334 milioni.
    ma ora siamo nel 2012…
    😆
    scusa ma pubblichi a ripetizione????
    maremma bona!!!
    ora ce l’hai con le filastrocche!

    Mi piace

    • bruce ha detto:

      Se continua così un giorno saremo tutti cinesi, al nostro ipermercato sono già tutti loro ….
      E già, questi giorni sono una mitraglia, resto in casa più del solito, mi son fatto un intervento in testa, che mi abbiano tolto un pezzo di cervello?

      Macchè, la filastrocca di carla è piaciuta, ma tu che mi conosci sai che mi piace giocare sulle parole.
      ciao ventolino

      Mi piace

    • MARGHIAN ha detto:

      Maremma bona!!!!!! Ciao Ventice’!!! Pubblica a ripetizione? Repetita Iuvant!!!!
      Ciao Ventice’!!!!
      Marghy

      Mi piace

  2. carla ha detto:

    La mia filastrocca ti è piaciuta? Grazie davvero Bruce, ero più che convinta che saresti stato al gioco. La vita è talmente grigia che ogni tanto colorarla un pò non guasta…. Ho letto dell’intervento che hai subìto in testa, spero nulla di grave e tutto torna come prima. Auguri.
    Bello questo post, vale sempre la pena ricordarci chi siamo e da dove veniamo. Il famoso “nostro anello mancante”. Ogni tanto leggo di un nuovo ominide, un australopiteco scoperto da un gruppo di paleontologi francesi dell’Università di Poitiers e battezzato scherzosamente “Abele”. Risale e 3-3,5 milioni di anni fa ed è la prova che i nostri antenati più antichi non vivevano solo in Africa orientale, ma erano già diffusi anche in altre regioni come il Ciad o il Sud Africa. A quel punto dell’evoluzione i nostri avi già vivevano nelle savane, in piccoli gruppi. Dagli scheletri si notano grosse differenze tra maschi e femmine: i primi sono più alti e robusti, le seconde più minute (un adattamento fisico per rubare meno cibo ai piccoli). I ritrovamenti sembrano suggerire che i gruppi non avessero una struttura ad harem ma fossero costituiti da tante coppie che cooperavano. Dal branco erano dunque già passati alla tribù anche se ancora molto primitiva. Difficile immaginare il loro aspetto esteriore: è probabile che avessero pelle scura per difendersi dai raggi solari. Ma nei loro sguardi avremmo già intuito qualcosa di “umano”.
    Non è ancora ben chiaro se in Europa arrivò l’Homo erectus, o più probabilmente un suo diretto discendente. I più antichi fossili di Homo sapiens anatomicamente moderno risalgono a 120 mila anni fa e provengono dall’Africa. Intorno a 60-50 mila anni fa l’Homo sapiens sapiens parte alla conquista di tutti i continenti. Gli ultimi Neandertal scompaiono 28 mila anni fa.
    Da allora c’è solo l’Homo sapiens, cioè tu, ops….noi!
    Bleff…. pat pat sul capoccione.

    Mi piace

    • MARGHIAN ha detto:

      Ciao Carla. Tu scrivi che non si sa se arrivo’ l’homo erectus. Esiste un ominide detto “homo handelbergensis”- un erectus- che, dato il nome (Handelberg..germania-??!!-) fa pensare che..si’ ..in Europa arrivo’ l’erectus. Ciao.
      Marghian

      Mi piace

      • MARGHIAN ha detto:

        Mi correggo sul “nome”..*heidelbergensis, non “handelbergensis”.
        E’ un ominide vissuto fra 600 000 e 100 000 anni fa. Progenitore del neanderthal e discendente forse dagli Hergaster. Ciao.

        Marghian

        Mi piace

  3. MARGHIAN ha detto:

    Questa cosa mi pare simile a cio’ che ti ho scritto io sugli aborigeni australiani, che hanno tratti somatici neanderthaliani ed una intelligenza sapiens-sapiens tout court…sono sapien-tes, altroche’!

    “Dall’homo erectus”…che ha dato vita al neanderthal e a noi, suoi “cugini”. Questi “altri” sono allora un terzo..ramo dall’erectus? “In cosi’ breve tempo”. L’evoluzione e’ molto complessa, e mi da di pensare che oltre agli anelli mancanti ci siano anche..i rami mancanti e…qualcuno si scopre ogni tanto. Ciao.

    Marghian

    Mi piace

  4. bruce ha detto:

    Questo circolo del caffè Tiffany, come lo chiama Vento, mi piace e l’argomento sta diventando interessante per i vari interventi molto, molto interessanti.
    Però cari ragazzi ora vi devo lasciare, mi infilo il cappellino (sono quasi rapato per la rimozione di diverse patate in testa) ed esco col cane, poi mi dispiace ma c’è la partita del Milan alle 18 che non mi voglio assolutamente perdere e stasera la mia Fiorentina. Che ci volete fare, anch’io ho le mie debolezze.
    A dopo.

    Mi piace

  5. Rebecca o semplicemente Pif ha detto:

    Forse non è una razza umana… forse arrivano da un altro pianeta, cosa sappiamo noi alla fine… Pif

    Mi piace

  6. MARGHIAN ha detto:

    “tra i 14.500 ed i 11.500 anni fa. Una epoca anche recente, nella scala evolutiva dell’uomo! E che dire-se ancora non si e’ capito- dell’uomo di pechino? Gia’ si trovava in cina da..molte migliaia di anni? Ah, di che specie era?

    “Mix tra l’uomo arcaico e l’uomo moderno”…potrebbe trattarsi di qualcosa di simile-pur se alla lontana, agli aborigeni australiani, che hanno tratti neanderthalianie nel contempo sono intelligenti e, se vivono in citta’, anche impiegati, ingegneri, medici.

    Buttandola sulla fantasia, conosci il personaggio di Martin Mystere, il neanderthaliano JAVA? Servo fedele di Martin Mystere, neanderthal “sopravissuto all’estinzione” e che viveva con altri pochiesemplari nell’Himalaya, “alla maniera dello yet”i-e che Mystere prese con se’-, ^non riesce a parlare ma ^guida il camion, va al bancomat a prelevare del ^denaro, ^capisce i discorsi complessi fra martin e la compagna diana…obietta, come blef, scrivendo su carta e penna i suoi ragionamenti…”hai ragione, amico mio!” gli dice spesso Martin.

    Fantasia a parte, ^l’ambiente: cosa imparerebbe, un neanderthal portato nella nostra epoca, se gli venissero insegnate le cose tipiche della nostra civilta’?
    Sarebbe come “ritardato” o….riuscirebbe in tutto, come Java? Ciao Bruce.

    Marghian

    Mi piace

  7. CK ha detto:

    Bentrovato Bruce, mi piace molto il tuo blog. Per la domanda che poni nel post, secondo me la risposta e’ molto semplice: e’ l’evidenza concreta di un innesto genetico. Motivo per il quale le scimmie sono rimaste scimmie, e noi siamo diventati umani. Un’evoluzione troppo sconcertante, per i tempi della Natura.

    Mi piace

Il tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...