Uragani Extra-Terrestri

tempeste-tropicaliBene o male sappiamo cos’è un uragano.
In parole povere dovrebbe essere una tempesta associata a numerosi temporali, con forti venti che possono superare i 200 chilometri orari, e intense piogge. La sua estensione può arrivare a qualche centinaia di chilometri. Può durare molti giorni. Giusto?

Ma diciamo qualcosa in più, tanto per parlare.
Si formano nelle zone tropicali e subtropicali, quando la temperatura del mare raggiunge i 25-27 gradi.
Il calore dell’acqua di mare produce un rapido riscaldamento dell’aria che salendo in quota richiama, autoalimentandosi, altra aria calda verso l’atmosfera che scontrandosi con masse d’aria più fredde ed umide provoca un repentino condensamento di nuvole.
Il resto lo fa la rotazione della Terra che provoca la classica circolazione dell’uragano in senso antiorario producendo un devastante anticiclone trascinando con se le nuvole della perturbazione.
Gli uragani hanno una forza distruttiva devastante e eliminano tutto ciò che incontrano sul loro percorso.

Perché ci parli degli uragani terresti quando invece ci vuoi parlare degli uragani extra-terrestri? – E il mio cane che me lo chiede. Non riesce a tenere la bocca chiusa e non fa altro che interrompermi. Oramai lo conosco bene.

Faccio finta di non sentirlo. Tanto sa che gli rispondo, ed io so che mi sta ad ascoltare.
Bene, ora che bene o male ci siamo fatti una idea di cos’è un uragano, devi sapere che ci sono uragani in altri pianeti che fanno letteralmente impallidire gli uragani terrestri.

Vortice su Saturno
Su Saturno per esempio.
E’ dal 2011 che la sonda Cassini ha osservato una potente e rara tempesta che ha raggiunto la lunghezza di più di 300 mila chilometri.
Se solo pensi che la Terra ha un diametro di 12.756 km puoi capire quanta poca cosa sono gli uragani sulla Terra.

Ma la particolarità di questa tempesta è che la sua testa, nel giro di 267 giorni, ha inglobato la sua coda, un evento per ora unico nel sistema solare.
Come gli uragani terresti, questa tempesta di Saturno si è nutrita dell’aria calda presente nell’atmosfera del pianeta.
La sua testa nell’avanzare verso ovest, portando con sé tutta la sua potenza, ha creato un vortice che tra fulmini e saette ha letteralmente avvolto il gigante gassoso, percorrendo circa 300 mila chilometri e ritornando su se stessa.
Il vortice osservato da Cassini è risultato essere il più grande mai visto nella troposfera di Saturno, circa 12 mila chilometri di larghezza: questo lo porta a superare il record delle grandi tempeste di Giove.
La tempesta si è definitivamente placata il 28 agosto scorso, dopo ben 267 giorni di attività.
Ma il record risale al 2009 quando era stato avvistato la più lunga e duratura tempesta mai vista su Saturno, che durò circa 334 giorni, ma 100 volte meno potente rispetto a questa.

Come ha fatto a mangiarsi la coda – mi domanda il mio curiosone cane – e come ha fatto a fermarsi – mi domanda ancora il mio sapientone di cane.

Devi sapere che sulla terra gli uragani esauriscono la loro potenza nello spostarsi in zone con temperature al suolo sempre più basse, venendo  così a mancare la energia che le alimenta.
In Saturno la tempesta si è nutrita dell’aria calda sempre presente nell’atmosfera del pianeta e la sua corsa non è stata ostacolata dalle resistenze che sulla terra offrono le montagne.

Questo ha permesso alla testa di fare un giro intero del pianeta per poi mangiarsi la coda formandosi soltanto quando è stata ostacolata dalla turbolenza e vortici prodotti dallo stesso uragano.

Terra-Giove-macchia rossaE Giove?
Da almeno 300 anni infuria su Giove una gigantessa tempesta a 22° sotto l’equatore. Ha un colore che varia dal rosso mattone al rosa verdastro.
Impiega ben 6 giorni terrestri per ruotare una volta su se stessa.
Non è ancora noto cosa determini la colorazione rossa della macchia, ma questo nel nostro caso ci interessa poco, quello che voglio mettere in risalto è che è grande abbastanza da contenere almeno due o tre volte la Terra (Il suo diametro massimo fluttua ma è arrivato fino a 40.000 km!).
Inoltre mentre sulla Terra gli uragani per quanto intensi hanno vita relativamente breve, su Giove se non disperdesse parte della sua energia nell’ambiente, la sua durata potrebbe essere indefinita.

Vortice su NettunoE Nettuno?
Anche Nettuno ha i suoi uragani. La Grande Macchia Scura di Nettuno è ritenuta un sistema di tempeste di notevoli dimensioni situato nell’emisfero meridionale del pianeta a 22° di latitudine, dalle dimensioni paragonabili a quelle della Terra.
Con il suo diametro medio stimato attorno ai 14.000 km è la seconda formazione atmosferica in ordine di grandezza nel sistema solare, seconda solo alla Grande Macchia Rossa di Giove.
Ruota su sé stessa in senso antiorario (è pertanto un anticiclone, per chi non lo sapesse) in un periodo di tempo stimato in circa dieci giorni. Il suo periodo di rotazione intorno a Nettuno è di 18 ore circa.

Torando su MarteE su Marte? Ci sono anche lì degli uragani che possono contrastare le nostre future esplorazioni? – mi domanda il mio amico fedele.

Domanda intelligente, caro amico.
Su Marte non ci sono dei veri e propri uragani. Si parla di vortici. Per esempio ci sono dei vortici chiamati devils. Più precisamente “dust devils”, ovvero diavoli di polvere.
Si tratta di colonne ruotanti di aria, rese visibili per via della polvere che sollevano. Insomma sono una specie di piccoli tornado che avvengono sul suolo marziano.
Dalla lunghezza dell’ombra proiettata sul terreno, è stato stimato che i dust devils possono raggiungere un’incredibile altezza di 20 km rispetto alla superficie. Per dare un’idea di quanto è grande, pensate che è più del doppio l’altezza del monte Everest.

Quindi caro mio amico fedele cane, come puoi vedere, i nostri uragani sono poca cosa.


Advertisements

Informazioni su bruce

Ingegnere. Io sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci tu. (Massimo Troisi)
Questa voce è stata pubblicata in Ambiente, Astronomia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Uragani Extra-Terrestri

  1. gabriarte ha detto:

    Ma li almeno non piove ciaoooooooo

    Mi piace

  2. MARGHIAN ha detto:

    Interessante!!!! Sapevo degli uragani piu’ grandi della Terra intera che si verificano sui pianeti giganti, e dei “tornados” marziani- non sapevo si chiamassero “dust devils”.
    Credo che anche Venere forse non scherzi (anche se sembra non arrivino-se ci sono- a “disturbare i venusiani”), perche’-ho letto- sulla superficie di Venere prevale la “bonaccia”-“piogge acide cne non arrivano al suolo”).
    Gabriarte scrive che “li’ almeno non piove”-lascio a te la risposta-, ma io “le scrivo” che su Nettuno grandina..diamanti!!! E” cosi’? (le forti pressioni atmosferiche “comprimerebbero il carbonio presente in atmosfera” per cui..”piovono dimamanti”- per la futura gioia delle signore di rango.. terrestri, ovviamente-).

    “Il bel tempo si ha quando l’aria gira in senso orario”-cicloni, allora…ma il ciclone e’ temporalesco…fammi capire qualcosa, magari sta cosa del bel tempo “in senso orario” e’ una bufala..o no? Cosa implica, in tutto questo, mi chiedo…la forza di Coriolis? (che so essere irrilevante in un lavandino, ma considerevole circa le dimensioni di un ciclone o di un anticiclone).
    Ciao Bruce.

    Marghian

    Mi piace

  3. bruce ha detto:

    Ciao marghian, ce ne sarebbero di cose da dire.
    Il fatto è che gli argomenti scientifici interessano poco e se poi sono nozionistici diventano noiosi.
    Mi fanno sempre immensamente piacere i tuoi commenti che oltre ad integrare i miei post mi danno nuovi spunti di riflessione. Prima o poi arrivo anche a parlare di Venere ed anche di Plutone. Ma lo devo fare sempre in modo da non distrbare troppo.
    Per quanto riguarda i diavoletti su Marte avevo scritto questo articolo che forse ti era sfuggito:
    https://silvanodonofrio.wordpress.com/2012/04/08/dust-devils/
    I diamanti?
    In realtà sono diamanti “liquidi” (forse ci torno un’altra volta) che ci sarebbero anche su Urano. Sembra che questi due pianeti siano composti perr il 10% di carbonio da cui si originano i diamanti. E sembra che siano proprio questi diamanti a far deviare l’angolo dei campi magnetici rispetto all’asse di rotazione dei pianeti.
    Buona notte
    Bruce

    Mi piace

    • ross ha detto:

      ci torni fisicamente? se sì mi porti qualche diamante? 😀 😀 😀 😀
      ma, hai letto le miei risposte ad altri tuoi blog o ti sono sfuggite?
      Buona Domenica a te,Bleff moglie e figli
      Ciao,Ross 😀

      Mi piace

      • bruce ha detto:

        Cara mia, nulla mi sfugge 😆
        Se ti riferisci alla questione dei vegetariani, beh avevo già brevemente risposto a marghian perchè è una discussione trita e ritrita che mi ha stancato. Ho riportanto anche un mio post specifico e supponevo che lo avessi letto:
        https://silvanodonofrio.wordpress.com/2010/06/02/erbivoro-carnivoro-frugivoro-onnivoro-chi-siamo/
        Se hai tempo leggi anche le mie note.
        Oggigiorno i vegetariani non hanno nulla a che vedere con l’alimentazione. E più passa il tempo più diventa un movimento intransigente che tende al fanatismo. In alcuni casi al terrosismo alimentare.
        Si può mangiare sano ed equilibrato anche mangiando di tutto.

        I diamanti? Quelli te li avrebbero dovuti portare gli extraterrestri. Devono essere passati per forza da quelle parti. 😆
        Notte cara e buona domenica.

        Mi piace

        • ross ha detto:

          Ore 22,16, sono completamente rimbambita! ma quando abbiamo parlato dei vegetariani? per i diamanti, bè, glieli ho chiesti a ET ma mi ha risposto che servono tutti a loro e che li stanno cogliano dagli albori.
          Basta, ora vado veramente a dormire, non connetto.
          Ma sai che non leggo le tue repliche, nel mio bog? è per questo che te l’ho scritto,d’ora in poi cliccherò sull’icono qui sotto per l’avviso di nuovi commenti.
          the end

          Mi piace

  4. bruce ha detto:

    Mi piace dare un saluto a due ospiti silenziosi di cui sono onarato delle loro presenza.

    Mi piace

    • MARGHIAN ha detto:

      Ciao Bruce. Hai ragione, “troppa carne al fuoco” come si suol dire. Io “chino la testa” o “parto in quarta” e la mia fantasia mi porta a formulare tante domande “insieme”, ma ben sapendo che queste cose vanno “dosate”, essendo argomenti difficilotti (anche per chi ne sa, figuriamoci chi ha poca dimestichezza con queste materie o argomenti). Chiaramente qualche tuo post mi e’ sfuggito, ma :)non quello. Ci sono alcuni miei commenti. Solo non ricordavo la definizione inglese “dust devils”.
      Ciao, alla prox. spiegazione, sempre interessante.

      Marghian

      Mi piace

  5. Rebecca ha detto:

    Buona domenica mio caro Silvano, eccomi come vedi sono ancora viva 😀 … io in questo periodo ho passato alcuni uragani, ma ora sta tornando la serenità .. come sempre adoro leggerti .. trasmetti sempre qualcosa per la mente… ti abbraccio e una carezza a Bleff tvb Pif

    Mi piace

    • bruce ha detto:

      Ciao Piff, spero tutto bene.
      Grazie, e scusa se, da te, su alcuni argomenti vado controcorrente, ma tu sai bene che sono sempre perplesso su argomenti … non prettamente comprovati scientificamente. Ma ti leggo attentamente.
      Un caro saluto
      Bruce

      Mi piace

Il tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...