Nebulosa Anello

nebulosa anello

La conosciamo già. E’ la nebulosa ad Anello.
E’ quello che resta di una stella che ha gettato fuori i suoi strati esterni una volta finito il carburante.

La Nebulosa Anello è uno degli oggetti più importanti nei nostri cieli. È stata scoperta per caso nel 1779 quando due astronomi “inciamparono” sulla nebulosa inseguendo il percorso di una cometa che, attraversando la costellazione della Lyra, passò molto vicino alla Nebulosa.

Non è nota la sua distanza precisa, ma si pensa che si trovi a circa duemila anni luce dal nostro pianeta ed è grande appena 1 anno luce in diametro.

Cosa c’ha di bello?
Il colore.
A forma di ciambella, la nebulosa è composta al centro da una palla blu di lidio. La parte più luminosa della nebulosa è il colorato anello principale. Questo è composto di gas gettato fuori da una stella morente al centro della nebulosa.
Anche se il centro di questa ciambella può sembrare vuoto, in realtà è pieno di materiale di minore densità che si allunga sia verso che lontano da noi. Ed è sulla buona strada per diventare una nana bianca, un corpo molto piccolo, denso e caldo che è lo stadio evolutivo finale di una stella come il Sole.

Insomma è la tragica fine che accomuna tutte le stelle.
Il gas e la polvere che vediamo sono stati espulsi circa 4000 anni fa, con la morte della stella, che in origine era svariate volte più massiccia del nostro Sole. Dopo miliardi di anni passati a convertire idrogeno in elio, nel suo nucleo, la stella ha finito il combustibile ed ha iniziato a gonfiarsi sempre di più, fino a diventare una gigante rossa. Durante quest’ultima fase, la stella ha iniziato a perdere buona parte della sua massa, nello spazio intorno, per poi collassare mentre moriva la reazione di fusione al suo interno. La luce ultravioletta emessa dalla stella morente ha ionizzato molto tutto il gas intorno, facendolo brillare intensamente.

La Nebulosa Anello continuerà ad espandersi per almeno altri 10.000 anni, una fase che in realtà è estremamente corta nella vita di una stella. Dopo questo diventerà sempre più pallida e fredda, fino a sparire del tutto, mischiandosi con le rarefatte particelle del mezzo interstellare

Ma restano i soliti dubbi legati a queste osservazioni.
Le risposte sono sempre le stesse. Studiare questa nebulosa potrebbe mostrarci non solo i dettagli fisici di come avviene questa fase della loro evoluzione, ma anche darci qualche indizio in più sul futuro del nostro Sole e Sistema Solare.


(fonte: newsletter mediaInaf)

Ti potrebbe anche interessare

 250px-Blackeyegalaxy

Andromeda

Sappiamo anche che la galassia Andromeda è in rotta di collisione con la nostra galassia.

Annunci

Informazioni su bruce

Ingegnere. Io sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci tu. (Massimo Troisi)
Questa voce è stata pubblicata in Astronomia, Ultime dallo spazio, Universo e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

34 risposte a Nebulosa Anello

  1. Rebecca ha detto:

    Questa nebulosa viene anche chiamato l’occhio di Dio.. adoro questa foto.. peccatto che non si pò ancora viaggiare nello spazio.. sarei sempre in viaggio a scoprire le meraviglie mai visti fin d’ora.. ecco qui piove e noi andiamo in nessun posto.. sono malinconica .. ho bisogno di una mini vacanza d’urgenza 😆 questo tuo post mi ha regalato un’attimo di serenità grazie caro Silvano tvb una carezza a Bleff ovviamente 😉

    Mi piace

  2. bruce ha detto:

    Al contrario io domani vado in montagnia, pioggia o non pioggia.

    Mi piace

    • Rebecca ha detto:

      bravo… forse facciamo un gior con la machina nella Vall d’Adige… cosi almeno facciamo una passeggiata e Tatanka sui diverte un pò… pensavo che oggi sarebbe un giorno di sole… ma sta cambiando ancora il tempo… serena giornata tvb Pif

      Mi piace

  3. Elisabetta Lelli ha detto:

    Bellissima come una Diva. Un bacetto sul tartufone a Bleff 🙂

    Mi piace

  4. gabriarte ha detto:

    sembra che il cielo ci voglia insegnare che la morte è vita buona vacanza anche al tuo bleff ciao

    Mi piace

    • MARGHIAN ha detto:

      Bellissimo questo pensiero, Gabry, “la morte e’ vita”. Purtroppo e’ davvero cosi’, la morte serve alla vita, per le stelle come per noi. Con la morte di una stella la materia viene riciclata e ricombinata..con la morte di piante, animali, persone…la materia viene riciclata e ricombinata. Molecole del mio corpo hanno fatto parte, moltissimo tempo fa, di altre persone la cui materia, “tornando alla terra”, da questa e’ stata in parte assrobita dai vegetali, e per via della catena alimentare…assimilata in parte anche da persone, a formarene, per assimilazione, le “nuove cellule”, e cosi’ sara’ “per tutti i secoli dei secoli”…anche per le stelle ed i pianeti; infatti anche la Terra e’ fatta di “pezzi” che prima erano fusi dentro stelle massiccie che sono esplose dopo aver prodotto i materiali (ferro, carbonio, ossigeno, idrogeno, potassio..) che costituiscono anche il pianeta Terra. Ciao.

      Marghian

      Mi piace

    • bruce ha detto:

      Carissima, non è stata una bella vacanza. In montagna ho ricevuto notizia da mia moglie di un incidente di mio figlio con la moto e sono rientrato di corsa.
      E’ in ospedale ad Ascoli. Il casco lo ha salvato, ha qualche frattura scomposta ad un mano che verrà operata domani e dei punti su una gamba.
      Aspetto il rientro di mia moglie per il cambio.

      Mi piace

      • gabriarte ha detto:

        nella disgrazia è andata bene faccio un in bocca al lupo a voi e a vostro figlio naturalmente La moto è pericolosa ho avuto da ragazza un incidente ma mi è servito per capire che era meglio andare in macchina anche mio figlio è caduto ora la moto non la cerca più ciao dacci notizie

        Mi piace

        • MARGHIAN ha detto:

          In strada tutto e’ rischioso, ma…le quattro ruote offrono un maggior senso di sicurezza.
          Speriamo che tutto vada bene per questo ragazzo.
          Ciao, Gabry, e buona domenica anche a te.

          Marghian

          Mi piace

      • Elisabetta Lelli ha detto:

        Una orribile esperienza… ma può raccontarla. Questo conta!
        Auguri! Un bacio, Sil.

        Mi piace

      • Rebecca ha detto:

        Mi dispiace tantissimo, mi auguro con tutto il cuore che si riprende veloccissimo, e rimane soltanto un brutto ricordo.. io sinceramente tedesto i moto ho visto troppe incidenti, e ci sono momenti in cui si perde il controllo .. anche noi abbiamo avuto anni fa un moto, ma lo abbiamo venduto c’è già pericolo a quattro route figuriamoci a due… mi sono persa questo commento per il fatto che non mi arrivano mai ste benedetti aiggiornamenti.. scusa caro Silvano, non e una mia ignoranza ma un problema di WP… abbraccia il tuo figlio da parte mia.. e sperò che lui già stia meglio…

        Mi piace

  5. MARGHIAN ha detto:

    Bellissima! Mi devi delucidare pero’ su una cosa: ho letto che la “nebulosa” e’ una stella che ” è sulla buona strada per diventare una nana bianca, un corpo molto piccolo, denso e caldo che è lo stadio evolutivo finale di una stella ^*come il Sole”. Poi ho letto: “che in origine era ^svariate volte più massiccia del nostro Sole”. “Gigante rossa e nana bianca”; perche’ non e’ diventata “supernova e stella di neutroni”, essendo stata in origine “piu’ massiva del Sole”?
    Ha forse “perso massa gradatamente” prima di esplodere come “gigante rossa”, mentre altre stelle piu’ massicce del Sole, come era questa in origine, possono esplodere prima, generando la supernova con la stella di neutroni od il buco nero al centro?

    Ciao Bruce.

    Mi piace

    • bruce ha detto:

      Ho la risposta pronta, ma te la dirò al più presto.
      Sono entrato solo per un saluto a tutti voi.

      Mi piace

      • MARGHIAN ha detto:

        Che tutto vada per il meglio, Bruce..un in bocca al lupo a tuo figlio da parte dei tuoi amici “a distanza”.
        Io ho un nipote che usa la moto, e quando ci sentiamo, io e lui, gli dico sempre: “attento con la moto…”.
        Ciao Bruce, torna con notizie buone, mi raccomando.

        Marghian

        Mi piace

    • bruce ha detto:

      Una risposta veloce che ritorno in ospedale.

      Caro marghian sei un ‘allievo’ attento! 😆
      Ho notato la stessa cosa quando ho letto l’articolo originale.
      Perché nana bianca? Una stella di grandi dimensioni dovrebbe morire in gigante rossa o supernova.

      La mia considerazione è che su questa stella malgrado le numerose foto non si sa ancora nulla di definito, la distanza, la grandezza e di conseguenza la sua massa originaria al contrario di Betelgeuse (che si trasformerà in una supernova) che ancora non è esplosa e quindi la sua massa può essere calcolata.

      La stella che ha generato la nebulosa Anello è stata definita ‘genericamente’ di grandezza svariate volte superiore al Sole. In realtà può essere considerata una stella di medie dimensioni poco superiore al Sole e doveva seguire lo stello destino del nostro astro.

      E allora?
      Mi sono informato. Pur avendo la stella una massa ‘superiore’ al Sole la fisica impone per una nana bianca una massa limite, il limite di Chandrasekhar, che per un oggetto che non compie una veloce rotazione su se stesso, equivale a 1,44 M (dove M è la massa solare).
      Ciao, scappo.

      Mi piace

      • MARGHIAN ha detto:

        Ciao Bruce. Grazie del complimento 🙂
        Ho pensato, infatti, che la massa (originaria ed attuale) di questa “ex stella massiccia” fosse sconosciuta, ma trattandosi di una stella in fase di gigante rossa-un po’ atipica, dato che e’ “ad anello” mentre, se non sbaglio, il Sole, quando investira’ l’orbita della Terra, manterra’ la stessa “quasi sfericita’”, pur se i dinamismi in queste fasi sono tanti ed imprevedibili-, la sua “massa originaria” doveva essere di massa inferiore o pari a quella critica di Chandrasekhar (Mch) , che equivale a circa 1,44 masse solari (il fisico indiano calcolo’ questo valore…in nave, mentre si recava- non ricordo dove- per presentare le sue teorie). Lui teorizzo’ che la massa di un gas degenere ( e questo e’ una nana bianca, uno stato della materia ultradenso di nuclei atomici immersi in un “gas” di elettroni”) non rotante-come specifichi tu, ed e’ intuitivo che la rotazione per forza centrifuga si oppone al collasso gravitazionale…-, superata la massa di 1,44 masse solari non si ha il collasso del nucleo in “nana bianca”. “Si va oltre, in stella di neutroni o buco nero, a meno che la stella “morente” non ruoti velocemente. Che sia stato questo il caso della “nebuolsa anello”?

        Anni fa lessi un libro squisito, “i buchi neri”, che spiegava queste cose, fra cui figurava anche il nostro Chandrasekhar. E vai con buchi neri non rotanti, rotanti, con singolarita’ ad anello, singolarita’ “nuda”, stelle di neutroni e nane biance. Li’ c’era spiegato tipo tabella, le masse in base alle quali una stella avrebbe avuto questo o quel “destino”. Ora non ricordo bene i valori, ma “dopo una volta e mezza la massa solare”, si ha come nucleo residuo la stella di neutroni od il buco nero.

        Strepitoso che una nana bianca abbia le dimensioni della Terra, ed una stella di neutroni un diametro di qualche decina di chilometri, ed i buchi neri un diametro di qualche chilometro ed un “peso” di alcune masse solari! Senza considerare i buchi neri al centro del “bulge” (rigonfiamento centrale) di galassie come Andromeda o la nostra, con una massa migliaia e migliaia di masse solari, ma ovviamente con un “raggio di Swartzchild”, il raggio “critico” di un buco nero, molto maggiore, ma comunque piccolissimo rispetto alla massa di materia “ingoiata” in miliardi di anni! Ciao Bruce.

        Marghian

        Mi piace

  6. bruce ha detto:

    Grazie per l’affetto.
    Le notizie sono meno gravi del previsto. La spalla non è fratturata e nemmeno la gamba, soltanto escoriazionie e punti di sutura.
    E’ una mano che preoccupa un po’ per lo schiacciamento sotto la moto. Ci sono fratture multiple scomposte di tutte le dita e del polso. Per ora bisogna attendere che la mano si sgonfi per operare.

    Non è stato un incidente, ma una banalissima scivolata in discesa in una strada di montagna bagnata e infangata (e pensare che aveva cambiato le gomme proprio la mattina in vista di questo giro con amici. Che sfiga).
    Ciao

    Mi piace

    • MARGHIAN ha detto:

      Ciao Bruce, sono contento che per tuo figlio la cosa sia meno grave del previsto, e spero che anche per la mano tutto si risolva per il meglio…meglio cosi’.

      Mi piace

      • bruce ha detto:

        Grazie a tutti,
        il problema è meno grave del previsto ma comunque serio per la mano. Oggi è stato sottoposto con urgenza ad un secondo intervento di 3 ore per la ricostruzione di alcune dita e soprattutto del polso ridotto maluccio con ferri interni collegati ad un tutore esterno per l’allineamento con la mano.
        Forse necessita di un ulteriore intervento, ma questa volta andremo al centro specializzato di Modena.

        Mi piace

  7. ross ha detto:

    Ciao Bruce, ho letto solo ora della caduta di tuo figlio, mispiace ma sono contenta di apprendere che, tutto sommato, è andata bene, tanti auguri per un pronta guarigione , certo che deve essere stato un bello spavento..
    Un abbraccio a te e famiglia
    etciuuuuu ,avrò fatto mille starnuti,non riesco neanche a toccarlo il naso da tanto mi brucia… 😀
    ciao,Ross 😀

    Mi piace

    • MARGHIAN ha detto:

      Non ti invidio, Ross..a me e’ toccato in inverno. Per tutto…l’inverno.
      Pronta guarigione anche a te…eee, ciiii! (questo virus si trasmette anche via web , e non e’ un virus informatico :mrgreen: )
      🙂 scherzo. Ciao Ross.

      Mi piace

  8. gabriarte ha detto:

    tantissimi auguri a tuo figlio per una rapida guarigione ciao a presto

    Mi piace

  9. MARGHIAN ha detto:

    “Ci sono buone notizie. Non perderà la mano. Ora è solo questione che guarisca”.
    Ah, sono molto contento. Ciao Bruce.

    Marghian

    Mi piace

    • bruce ha detto:

      Ciao marghian,
      ringrazio anche te.
      Oggi abbiamo fatto la prima medicazione a casa. A momenti svenivamo. Ho imparato a fare le punture (antidolorifici) e mia moglia la perfetta infermiera.
      Un affettuoso saluto.

      Mi piace

      • MARGHIAN ha detto:

        Ah, bene.. mi spiego, “nel male” vi sta andando bene. Andate avanti cosi’.
        Ti ho risposto (per il resto). Ciao ed ancora “in bocca al lupo”, dato che si suol dire cosi’ 🙂

        p.s., or ora mi viene una curiosita’ : rispondere “crepi” mi sembra, se non sbaglio, una cosa relativamente recente. Da giovane sentivo rispondere “grazie..” o mi sbaglio? Nulla di importante, se non che l’augurio vada in porto… cosi’, ci sto pensando adesso: trent’anni fa non sentivo mai dire “crepi”. Ciao.

        Marghian

        Mi piace

Il tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...