I più strani pianeti alieni: seconda parte

13) ig383-exoplanet-7-02 14) 060914_strange_planet1_02
L’esopianeta più giovane finora scoperto. Ha avuto origine circa 1 milione di anni e orbita attorno a Coku Tau 4, una stella distante 420 anni luce. Gli astronomi deducono la presenza del pianeta da un enorme buco nel disco polveroso che cinge la stella. Il foro è 10 volte la dimensione dell’orbita terrestre intorno al Sole e, probabilmente causato dal pianeta entrando nella polvere cosmica mentre orbita attorno alla stella.

Un pianeta più leggero di una palla di sughero è uno dei puffiest pianeti alieni noti finora. Chiamato HAT-P-1, il pianeta è circa la metà la massa di Giove, ma circa 1,76 volte più ampia, o il 24 per cento più grande di quanto previsto dalla teoria. Si potrebbe galleggiare in acqua, se ci fosse una vasca grande abbastanza per tenerla.

15) 090121-super-neptune-02 16) 060523_xo1b_02
Mentre Nettuno ha un diametro 3,8 volte quella della Terra e una massa 17 volte quella della Terra, il nuovo mondo (denominato HAT-P-11b) è 4,7 volte più grande della Terra e dispone di 25 masse terrestri. Questo mondo orbita molto vicino alla sua stella, che ruota una volta ogni 4,88 giorni. Come risultato, si è cotto ad una temperatura di circa 1100 gradi F. La stella stessa è circa tre quarti della dimensione del nostro Sole e un po’ più fredda. La maggior parte dei pianeti orbitano in un piano che corrisponde all’equatore della loro stella madre. Ma orbite XO-3b ha un’inclinazione pazzesca di 37 gradi dall’equatore della sua stella. L’unico altro esempio conosciuto di tale orbita stranamente inclinata era Plutone, fino alla sua retrocessione a status di pianeta nano. Pianeta noto per orbitare all’indietro intorno alla sua stella madre.
17) 061004_usp_planet_02 (FILEminimizer) 18) ig383-exoplanet-14-02
SWEEP-10 orbita intorno alla sua stella madre da una distanza di soli 1180 mila km, così vicino che, un anno sul pianeta avviene ogni 10 ore. L’esopianeta appartiene a una nuova classe di pianeti extrasolari zippy, chiamati pianeti di ultra-breve periodo (USPPs), che hanno orbite di meno di un giorno. Il pianeta extrasolare GJ 1214b è un pianeta roccioso ricco di acqua che si trova a circa 40 anni luce di distanza. Esso orbita intorno a una stella nana rossa. E’ l’unico esopianeta noto “Super-Terra” (mondi che hanno masse tra la Terra e Nettuno) con un’atmosfera confermata. Il pianeta è circa tre volte le dimensioni della Terra e circa 6,5 volte più massiccia. I ricercatori pensano che sia probabile un mondo d’acqua, con un contenuto solido al centro.
19) ig383-exoplanet-13-02 20) ig383-exoplanet-12-02
Gli astronomi sono stati in grado di rilevare le atmosfere intorno a diversi pianeti extrasolari, tra cui HD 189733b, sul quale è stato rilevato metano incandescente, che può essere prodotto naturalmente o essere un sottoprodotto biologico. Quando gli astronomi hanno osservato WASP-18b, lo possono avere visto nel momento cosmico prossimo alla sua morte. Questo pianeta, forse un mondo sfortunato, con una rotazione intorno alla sua stella in meno di un giorno terrestre. Gli scienziati pensano che questa velocità accoppiata al peso del pianeta produce forti perturbazioni gravitazionali che possono alterare l’orbita dei pianeti. Se il pianeta orbita attorno alla sua stella con rotazioni più veloci, si dovrebbe gradualmente muovere verso l’interno del suo sole, e il suo destino è segnato.
21) 070424_gliese581c_02 22) 081006-exo-02
Uno dei vari pianeti nel sistema Gliese 581 stelle, chiamata Gliese 581 d, può essere uno dei mondi alieni più potenzialmente abitabili conosciuti. Si tratta di circa 8 volte la massa della Terra, e si trova in un’orbita giusto per acqua liquida di esistere sulla superficie. L’acqua è un elemento fondamentale per la vita come noi la conosciamo. Gliese 581 è una stella nana rossa 20,5 anni luce dalla Terra. Uno degli esopianeta più densi scoperti fino ad oggi. E’ un mondo conosciuto come COROT-exo-3b. Ha circa le dimensioni di Giove, ma di massa 20 volte quella del pianeta, il che lo rende circa due volte più denso come il piombo. Gli scienziati non hanno escluso che il COROT-exo-3b può essere una nana bruna, o stella mancata.
23) diamond-pulsar-planet (FILEminimizer) 24) darkest-planet
Ecco alcuni bling su scala astronomica: un pianeta dalla massa pari a Giove in orbita intorno alla recente pulsar PSR scoperta J1719-1438. E’ probabilmente uno gigantesco diamante. L’ultra-alta pressione del pianeta ha indotto il carbonio contenuto in esso a cristallizzare in diamante, così dicono i ricercatori. E la stranezza non si ferma qui. Il pianeta era probabilmente una volta una stella, ma la maggior parte della sua massa è stata succhiata dalla sua minuscola guidata pulsar, che ruota ad una velocità di 10.000 giri al minuto. E ‘di 4.000 anni luce dalla Terra L’esopianeta distante TrES-2b, qui nella concezione di un artista, è più scuro del carbone più nero. Questo mondo delle dimensioni di Giove riflette meno dell’uno per cento della luce che cade su di esso. Dista 750 anni luce dalla Terra

Informazioni su bruce

Ingegnere. Io sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci tu. (Massimo Troisi)
Questa voce è stata pubblicata in Astronomia e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

8 risposte a I più strani pianeti alieni: seconda parte

  1. enricogarrou ha detto:

    Che bella la tua carellata fra i pianeti alieni, interessante il pianeta che ruota intorno alla pulsar PSR, si potrebbe scrivere una poesia. Un caro saluto

    Mi piace

  2. MARGHIAN ha detto:

    “Ora vado a pubblicare le immagini di altri esopianeti.”. Ed io sono venuto a vederli🙂
    Se da un lato la religione ha ispirato l’arte, la scienza-non da meno- ispira l’arte. Molto belli, interessante e’ il “pianeta diamante” di cui gia’ sapevo, e bellissimo e’ “L’esopianeta distante TrES-2b”. Ciao.

    Marghian

    Mi piace

    • bruce ha detto:

      In realtà l’arte è stata ispirata molto prima che nascessero le religioni attraverso le rappresentazioni rupestri nelle grotte. Ne ho viste alcune, straordinarie, lì dove ora c’è il deserto del sahara.
      La religione ha inventato l’arte con il fine della “adorazione raffigurativa”, la scienza l’arte di rappresentare la natura. Scopi diversi.
      Ciao

      Mi piace

      • MARGHIAN ha detto:

        Verissimo, Bruce. Tutto vero. Io non volevo dire che la religione abbia inventato l’arte, assolutamente no; ma che l’arte è piena di soggetti a carattere religioso. “Il mose'”, “la cappella sistina”, eccetera. La musica classica, anche quella, come sappiamo, e’ piena di opere religiose. Appunto, “scopi diversi”. Ciao.

        Mi piace

        • bruce ha detto:

          Esatto, ma poi ci sono quelli (barbari) che distruggono ogni forma d’arte che non li rappresenta.

          Mi piace

          • MARGHIAN ha detto:

            Come l’ISIS, infatti, e sono fermi al medioevo. Savonarola, cattolico, inveiva contro ‘arte, perche’ “diabolica”. E fanatici saccheggiarono il laboratorio di Michelangelo (i lanzichenecchi, di “fede” luterana). Ciao.

            Mi piace

  3. MARGHIAN ha detto:

    Circa quanto scrivi ad Enrico /ciao Enrico/, “Peccato che è . lontanuccio”, non c’e problema. In casa nostra, su Nettuno, piovono diamanti. Ce ne’ per svalutare i gioielli sulla Terra🙂

    Mi piace

Il tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...