We are pit bull people

Chi mi segue sa che possiedo un American Staffordshire Terrier, ovvero il pitbull riconosciuto dall’American Kennel Club (A.K.C.), e riconosciuto successivamente dalla Fondazione Cinofila Internazionale (F.C.I.) nel 1985.

Ho trovato questa simpatica campagna fotografica contro i pregiudizi su questa razza.

“Siamo persone da Pit Bull”: si presentano così le famiglie americane che hanno posato per un’insolita campagna fotografica assieme al pit bull di casa.
Obiettivo: diffondere una maggiore consapevolezza su questi stupendi cani ritenuti, spesso in modo ingiusto, violenti e pericolosi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Informazioni su bruce

Ingegnere. Io sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci tu. (Massimo Troisi)
Questa voce è stata pubblicata in Il pitbull e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a We are pit bull people

  1. Rebecca Antolini ha detto:

    Il problema non e il American Staffordshire Terrier o Pitbull, il problema e chi fa queste altrocità di ad inseganare violenza per combattimenti illegali ai cani.. il cane in se non e violento o cattivo… l’uomo e la bestia ferroce senza scrupoli e cuore… io non ho un Pitbull ma Tatanka ha amici Pitbull.. buona domenica caro Bruce

    Mi piace

  2. bruce ha detto:

    Ieri sera mi sono addormentato sul divano mentre guardavo la partita della juve in tv.
    Ad un certo punto bleff afferra la coperta che avevo sulle gambe trascinandola via, poi va a prendere il guinzaglio. Più chiaro di così? Affettuosi e intelligenti.
    Per il resto sono d’accordo con te.
    Buona domenica anche a te e famiglia.

    Mi piace

  3. gabriarte ha detto:

    Dipende da chi possiede il cane,non dal cane. sono convinta comunque che anche nella scelta di un cane occorra intelligenza. non tutti possono possedere cani come il tuo, non si tratta solo di affetto, ma di conoscenza nel saperlo gestire. tutti i cani da difesa hanno l’istinto di aggressione per difendere il loro territorio e il loro padrone, va addestrato fin da piccolo e seguito amorevolmente . molti possiedono questi cani come fosse un’arma e sono pronti a disfarsene quando si accorgono di averne perso il controllo ho visto il canile di Genova e i molti cani abbandonati sono pit bull questo mi fa pensare che molti uomini sono peggio dei cani come intelligenza Ciao buona domenica

    Mi piace

  4. bruce ha detto:

    Hai colto nel segno cara gabri.
    Per quanto bene vogliamo agli animali, tenere un cane in casa è impegnativo. Hanno regole e comportamenti che vanno compresi e educati. Ricordiamo che è pur sempre un animale sociale che risponde a precise gerarchie nel branco “famiglia”.
    Chi non ha pazienza e disponibilità di dargli tanto amore forse ancor più di un figlio, allora è meglio non prendere un cane. A maggior ragione un pit bull, che richiede una cura e attenzione ancora maggiore.
    Tuttavia devo ammettere che da una soddisfazione enorme solo a guardare la sua fisicità e la fierezza del suo comportamento.
    Un saluto

    Mi piace

  5. Elisabetta Lelli ha detto:

    Questo è un amore di post!
    In Italia abbiamo un mare di magagne e problemi, ma almeno non vige la BSL- Breed Specific Legislation, una “legge” infame e “acchiappatutti”, che punisce anche chi non ha mai fatto nulla di male. E Gabriella ha ragione, per quando afferma sopra.
    Hatred is taught, not bred.

    Un abbraccio, Sil, amico caro.
    E.

    Mi piace

Il tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...