Cosmicomic

Cosmicomic00Ricerca, informazione, divulgazione.
Per noi.

E’ quello che fanno alcuni siti a beneficio del nostro sapere.
E’ il caso di “tuttidentro” che ci presenta, ogni qual volta, interessanti iniziative:
– “Cosmicomic” (anche se non c’è nulla di comico) di Amedeo Balbi.
– “In viaggio per l’Universo” (l’astronomia per bambini e genitori). Viaggio raccontato da un fisico d’eccezione, Stefano Sandrelli.
Oggi parliamo di Cosmicomic.

Cosmicomic è un saggio a fumetti.
Un libro che ripercorre la straordinaria avventura della cosmologia. Che parla degli uomini che scoprirono il Big Bang.
Edito da Codice Edizioni, scritto dall’astrofisico (nonché appassionato di fumetti) Amedeo Balbi e disegnato dall’illustratore Rossano Piccioni, prende le mosse da questo fondamentale evento della nostra storia recente ed esplora, a partire da lì, i misteri dell’universo e della scienza.

Chi sono questi uomini? – mi domanda il mio cane (sempre attento lui).

Arno Penzias e Robert Wilson, sono due ricercatori della Bell Telephone – rispondo – conosciuti nel mondo scientifico ma praticamente sconosciuti dal grande pubblico.

Cosa hanno fatto di tanto importante? – continua a chiedermi Bleff (è il suo nome).

Hanno effettuato una scoperta che cambierà per sempre l’astrofisica contemporanea. Correva l’anno 1965 quando i due ricercatori lavoravano a un’antenna costruita per migliorare i sistemi di comunicazione con i satelliti in orbita e ridurre il più possibile il rumore di fondo captato dallo strumento.
Tuttavia, per quanti sforzi avessero fatto, un segnale persisteva.

Di cosa si trattava? – mi domanda incuriosito il mio cane (anche se so per certo che lo sa benissimo. Lui è fatto così, vuole sentirmi raccontare)

Solo dopo diversi anni di studio, la comunità scientifica accetta la loro sconvolgente ipotesi: il rumore captato, impossibile da eliminare, è la cosiddetta radiazione cosmica di fondo, ovvero (in parole semplici) la prova acustica dell’esistenza del Big Bang.

In pratica il rumore era uniforme in tutte le direzioni del cielo e non poteva quindi provenire da una fonte ben precisa.
Quel rumore era in realtà il calore residuo della grande esplosione che portò alla formazione del nostro Universo, il Big Bang.

E cosa c’entra Cosmicomic? – mi domanda ancora il mio fedele amico

Beh! ovviamente dietro c’è un interesse commerciale dal momento che il libro è in vendita.
Tuttavia, il modo di trattare certi argomenti sotto forma di fumetti può essere visto come un vettore straordinario per avvicinare le persone alla cosmologia.

Mi puoi fare qualche anticipazione? – il mio cane sembra proprio incuriosito.

Con piacere.
C’è un estratto del libro che è una sequenza di vignette che illustrano una celebre e interessante intervista rilasciata nientemeno che da Albert Einstein al New York Times, nel 1920.

Cosmicomic01

Cosmicomic02

Cosmicomic03

Cosmicomic04

Cosmicomic08

Cosmicomic09

Cosmicomic11

Cosmicomic12

Cosmicomic13

Cosmicomic14

Cosmicomic15

(per una illustrazione più completa cliccare qui )


Informazioni su bruce

Ingegnere. Io sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci tu. (Massimo Troisi)
Questa voce è stata pubblicata in Attualità. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Cosmicomic

  1. Rebecca Antolini ha detto:

    Buongiorno mio caro Silvano, ti ho trascurato (non solo te😆 ) comunque come va il negozio della tua moglie??? Sperò tutto bene, e tu come stai? E Bleff?? Avevo un periodo che non mi piaceva stare davanti al pc… comunque ogni tanto ora scrivo qualcosa e passo anche da te a aprofondire… abbi una buona domenica tvb Pif

    Mi piace

  2. bruce ha detto:

    E già!
    Mio padre dice che certi amici si comportano un po’ come i mal di pancia: vanno e vengono.😆

    Qui tutto bene. Beff alla grande. Ha dato una gran spazzolata ad un pastore belga (cane), che si è avventato contro di lui non sapendo cosa gli aspettava, lasciato incustodito dal padrone che tranqillamente faceva colazione in un bar.
    Ciao

    Mi piace

  3. MARGHIAN ha detto:

    Ciao Bruce. Bellissimo modo di spiegare, divertente e chiaro. Gia’ la carissima ed indimenticabile Margherita Hack ebbe l’iniziativa di “insegnare ai bambini l’astronomia giocando”.
    “Niente di comico”, lo so, “comics” sono i fumetti🙂

    “Una costante, una gravita’ repulsuva”, una intuizione che Einstein defini’ “il piu’ grosso errore della mia vita” mentre invece… sembra esistere, per via della energia oscura che da’, a quanto pare, proprio una “gravita’ repulsiva”. Lo so, per Einstein l’universo doveva rimanere stazionario ed ecco che, senza la gravita’ repulsiva, l’universo avrebbe dovuto contrarsi (se non ho capito male). Ciao.

    Marghian

    Mi piace

Il tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...