Le polveri di Betelgeuse

BetelgeuseNe abbiamo parlato più volte di questa stella speciale che oramai ci è diventata familiare.
Cos’ha di speciale?

Beh! prima di tutto con un diametro circa 1000 volte quello del nostro Sole, e con una luminosità circa 100.000 volte maggiore, Betelgeuse è davvero impressionate.
La possiamo scorgete facilmente sopra a sinistra della famosa cintura di Orione.
Esatto, è quella stella pallidina di un colore giallo sbiadito rispetto alle altre stelle.
Il motivo di questo colore è perché la nostra cara stella si prepara al suo momento di gloria, l’esplosione come supernova.

Ma di questo ne avevamo già parlato in questo mio bel post, mi ricorda il mio cane, Bleff.
Quello che c’è di nuovo da dire è che i ricercatori hanno trovato diversi archi di polvere attorno al guscio esterno non distante dalla stella.
L’immagine è stata realizzata con tecnologia a infrarossi e mostra i venti stellari che impattano contro l’atmosfera che circonda la stella, formando degli archi.

Il mio cane direbbe: e allora?

Avendo già iniziato abbondantemente la sua fase da supergigante rossa, Betelgeuse sta già pulsando e perdendo parte dei suoi strati più esterni che possiamo vedere non distante dalla stella a sinistra della foto.
Una cosa molto affascinante scoperta è una struttura lineare che si trova più lontano dalla stella, oltre gli archi polverosi. Una specie di “muro” di detriti stellari.

Alcune teorie asserivano che questo potesse essere il risultato di materiale espulso durante gli stadi primordiali della vita di Betelgeuse. Nuovi studi propongono che questo possa essere un filamento lineare legato al campo magnetico della galassia o il limite estremo di una vicina nube interstellare illuminata dalla supergigante rossa.
Secondo gli astronomi gli archi attorno a Betelgeuse e questa struttura lineare chiamata “barra” collideranno fra circa 5000 anni; lo scontro con la stella, invece, è previsto fra 12500 anni.

Questo è quanto potrebbe capitare alla nostra stella, il Sole. Allora, hai capito ora perchè sono importanti queste osservazioni, mio caro lagnoso amico?

(fonte: newsletter INAF)

Annunci

Informazioni su bruce

Ingegnere. Io sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci tu. (Massimo Troisi)
Questa voce è stata pubblicata in Astronomia, Ultime dallo spazio, Universo e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Le polveri di Betelgeuse

  1. gabriarte ha detto:

    prima domanda quanto è distante dalla nostra terra? Deve emettere un intenso calore! Quale è il pianeta più vicino a lei? Nell’esplosione potrebbero formarsi altri pianeti e dare origine ad un sistema solare simile al nostro? Riesci ad incuriosirmi sempre di più Ciao Buona domenica

    Mi piace

    • bruce ha detto:

      Ciao Gabri
      Intanto mi complimento ancora una volta, (se ce ne fosse ancora bisogno), per i tuoi bei disegni. L’ultimo su Pertini è perfetto.

      Ora vengo a darti qualche risposta nei limiti delle mie conoscenze.
      Betelgeuse dista dalla Terra 640 anni luce. Se la luce compie in un anno 9.460.730.472.581 chilometri la stella dista da noi circa 605,4 x 1012 (leggi 10 elevato alla dodicesima potenza) chilometri (se ho fatto bene i conti), ovvero 605 miliardi di miliardi di chilometri.
      Diciamo che è un bel po’ lontanina.

      Non si conosce la temperatura di Betelgeuse (o almeno io non la conosco), posso solo fare alcune considerazioni. E’ circa 20 volte più grande del Sole ed è circa 135.000 volte più luminosa. Se pensi che il sole quando esploderà emetterà un calore di circa 4.000 gradi, beh! puoi avere una idea di cosa succederà lì vicino a lei quando esploderà. Per ora sembra che non abbia pianeti che le ruotino attorno.

      Quando una stella muore esplodendo le polveri si disperdono nello spazio e viene a mancare quella che è la condizione fondamentale per la formazione di un nuovo sistema planetario, ovvero la forza di gravità. Infatti i sistemi planetari si formano per “accrescimento” delle polveri sotto una spinta gravitazionale di una grande massa che è del tipo attrattiva.
      Ciao e buona domenica anche a te.
      Bruce

      Mi piace

      • gabriarte ha detto:

        Grazie Bruce ma mi viene voglia di chiederti in quali condizione si forma la forza di gravità se la terra si è formata attraverso un’esplosione?

        Mi piace

        • bruce ha detto:

          Prima di tutto ci deve essere una parte dello spazio impregnata di polveri e gas. L’universo ne è pieno.
          La seconda condizione è che in questo mare di polvere e gas ci deve essere una discontinuità, ovvero un’area più “densamente” popolata da queste polveri.
          Ecco, la parola giustà è la densità. E’ lei la causa di tutto. Le densità della materia “attrae” altra materia che conpattandosi forma una massa sempre più grande tale da attirare tutto quello che c’è intorno a lei, fino a fermarsi quando non ce n’è più.
          All’aumentare della massa aumenta proporzionalmente la pressione che comprime la materia. Se la massa condensata è “poca” si formano i pianeti solidi, se è enorme essa comprimendosi genera una reazione nucleare che porta alla comparsa di una stella.
          Giovie, Saturno, Urano e Nettuno hanno un nucleo solido (anche se non è proprio così) ma anche molta materia gassosa come se il processo di accrescimento è rimasto bloccato per qualche motivo in una via di mezzo tra la formazione di super pianeti e la trasformazione in stelle.

          La Terra fa parte di questo processo e non di una precedente espolosione. Parola di Bleff.
          Ciao

          Mi piace

          • gabriarte ha detto:

            un po come la mia curiosità che diventa sempre più insistente alle risposte che tu gentilmente mi dai. La mia curiosità cresce come una massa speriamo però che non ci sia un’esplosione Ciao grazie a presto buon inizio settimana

            Mi piace

  2. MARGHIAN ha detto:

    Ciao Bruce. Ti ho risposto sul post “aushwitz”. A dopo.

    Marghian

    Mi piace

  3. ross ha detto:

    Spero di non esserci quando capiterà al Sole, perchè, se e ripeto se, esiste veramente la reincarnazione potrei trovarmi proprio in quel tempo, ma sicuramente avremo colonizzato altri pianeti e quindi fuggirò su uno di loro, magari in compagnia di ET. Ciao e buona domenica
    ps.: tu credi nella reincarnazione?
    Ross 😀

    Mi piace

    • bruce ha detto:

      Reincarnazione?
      Ho chiesto più volte al mio cane chi si è rincarnato in lui. Non mi ha saputo rispondere.
      Oppure non me lo vuole dire.
      Io però, visto che se ne intende di astronomia e astrofisica, credo che in lui ci sia uno scienziato che in vita è stato affettuoso ma contemporaneamente rude, testardo, irruento, maledettamente deciso, intelligente ma anche un gran rompi scatole. 😆

      Se la materia ritorna alla materia non c’è reincarnazione. Se questo avvine con una migrazione dell’anima o spirito bisogna allora dire di cosa è fatta l’anima e lo spirito. Come fa a restare sospesa per aria e in che modo si ficchi dentro “l’embrione” in concepimento. E poi se tu ti dovessi reincarnare in una gazzella al centro dell’africa sono c. ….. cavoli tuoi 😆
      Ciao e buona giornata

      Mi piace

  4. MARGHIAN ha detto:

    Ciao Bruce, e Ross. Un bell’argomento la reincarnazione (esista o no e’ spunto di riflessione).
    Ross, tu speri di non esserci “quando capitera’ al Sole” se esiste la reincarnazione. Prima di tutto se esiste, proprio tu che credi negli alieni, sarebbe estremamente improbabile che, fra tanti miliardi di pianeti abitati da creature di ogni tipo e fra miliardi di anni, tu ti reincarnassi proprio come creatura terrestre. Mi fanno ridere, infatti, i “casi” di reincarnazione, “ero una dama del ‘700″..ero un patrizio romano”…”ero una donna egizia”..”un sacerdote inca”..tutte reincarnazioni terrestiri!!! Che-poca- fantasia, eh Ross? 🙂

    Di che cosa e’ fatta l’anima? Vero, una cosa-per esistere- deve essere fatta di qualcosa, avere una consistenza, delle proprieta’, una cosa per esistere deve essere “informazione” (come il nostro corpo, come una casa, come una pianta od un fascio di onde elettromagnetiche….), mentre l’anima, definita “spirituale” non trova collocazione in questi requisiti (essere sostanza concreta). Ma forse l’anima esiste (non possiamo saperlo, lo spirito e’ roba trascendente e oggetto di fede, di filosofia, non di scienza….per la quale ci vuole tangibilita’ e concretezza oggettiva), e potrebbe essere fatta di qualcosa che per noi non e’ sondabile-prima non si sapeva della materia oscura, non escluderei l’esistenza di qualche altra “sostanza” che possa costutuire la nostra anima.
    Spingendoci su un piano piu’ trascendente, sempre ipoteticamente, l’anima potrebbe essere fatta…della stessa sostanza di Diio, di “puro spirito” e, dopo la vita, “toranre al Padre” come dice il formalismo religioso, come una goccia torna al mare dopo “ciclo dell’acqua”. Anche questo e’ un paragone grossolano, ovviamente… comunque, io non credo che “ci si reincarni”. L’anima di una persona, se esiste, e’…se’ stessa, non diventa “un’altra persona”. Non sappiamo se esiste una trascendenza, ma se dovessi scommettere fra un al di la’ reincarnazionista ed uno di tipo cristiano-una sola vita terrena ed un solo al di la’- scommetterei su quest’ultima ipotesi.

    Magari quando il Sole si gonfiera’ e diventera’ una gigante rossa, noi-da spiriti- assisteremo tranquilli allo spettacolo, senza timore di essere arrostiti o congelati -quando il Sole sara’ una nana nera-.. 🙂 chi lo sa?

    Marghian

    Mi piace

Il tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...