Meglio la magia della scienza

Mentre scrivevo gli articoli sui coloni spaziali ho pensato a tutte quelle persone che ritengono inutili i costi delle ricerche spaziali.
Molta gente ritiene infatti che si tratti di uno spreco di soldi.

Una newsletter di Link2Univers mi viene in soccorso in maniera esuriente.
Il Rover Curiosity inviato su Marte è costato: 1.93 miliardi di euro. Ma ora conosceremo meglio questo pianeta e forse un giorno non molto remoto lo colonizzeremo. Un primo passo verso la porta dell’universo.
New Horizons : costo: 504 milioni di euro. Sonda che andrà a visitare Plutone per la prima volta!
Hubble Space Telescope : costo: 2 miliardi di euro circa. Il nostro grande occhio sull’universo.

Tanto vero?
Qualcuno si scandalizzerebbe e direbbe che si potrebbero costruire ospedali, scuole, prigioni, ospizi, ecc. ecc. con quei soldi.
Giusto!
Ma per fare queste cose basterebbe utilizzare bene i soldi che vengono stanziati per le opere pubbliche e non buttarli al vento o in qualche tasca, utilizzare bene le struture che già ci sono, completare le opere mai fatte ma finanziate, quelle incomplete per appalti fantasma o abbandonate per fallimenti vari, far pagare le tasse a tutti e …. rubare un po’ di meno.

Ma non è di questo che voglio parlare. Voglio continuare a parlare  dei costi della ricerca spaziale. Soldi che al contrario vengono ben spesi.
Perché?
Tutti sappiamo che i costi della ricerca scientifica sono spesso molto alti. Specialmente se si parla poi di fare cose estremamente complicate come mandare una sonda spaziale ai confini del Sistema Solare o costruire un gigantesco rover da far atterrare su Marte, oppure un acceleratore di particelle grande 27 km in diametro e con una potenza enorme in grado di arrivare a scoprire le basi delle particelle elementari.

Ma se c’è una generazione che può dire davvero di aver visto gli enormi vantaggi di questo tipo di ricerche è la nostra! Da materiali industriali estremamente resistenti e leggeri alle comunicazioni satellitari, ai computer, a internet, alle operazioni avanzate di chirurgia e medicina, etc, mai come adesso è stato lampante quanto progresso può arrivare dalla ricerca.
Benefici che non tutti capiscono da dove arrivano, ma sanno però ben utilizzarli.

Ok! Ora vi faccio una domanda facile facile.
Lo sapete quanto fatturano in un anno maghi, maghetti, fattucchiere, cartomanti, per le consulenze magiche, sortilegi e compagnia bella per i vari citrulli di turno?
No?
Lo sapevo.

Il rapporto dell’Eurispes mostra come nel 2010 (non un secolo fa) l’Italia aveva 155.000 maghi, astrologi e cartomanti con un giro d’affari intorno a loro di 6 miliardi di euro, al 99% completamente al nero.

Avete letto bene: 6 miliardi di euro tutti in nero. All’anno!
Nonostante la crisi economica, elementi come la salute e il lavoro non sembrano proprio rappresentare una priorità per chi cerca un consulto magico. Solo gli affetti fatturano il 46%.
Le donne rappresentano la maggior fetta della clientela dell’occulto.
Incredibile. Ma vero.

Come dire che l’Italia:
– avrebbe potuto finanziare 3 rover Curiosity in un solo anno.
– avrebbe potuto finanziarne 3 Hubble Space Telescope in un solo anno
– avrebbe potuto finanziarne 12 New Horizons in un solo anno.

E potrei continuare. Anzi, continuo e mi piacerebbe che qualcuno leggesse fino in fondo.

– L’italia avrebbe potuto finanziare da sola il progetto Large Hadron Collider (LHC) in meno di due anni.
Cassini-Huygens (orbiter intorno a Saturno e le sue lune + un lander sulla superficie di Titano): costo 2.52 miliardi di euro (l’Italia avrebbe potuto finanziarne 2 almeno in un solo anno)
Solar Dynamics Observatory (il più avanzato telescopio spaziale solare mai lanciato) – costo: 657 milioni di euro (l’Italia avrebbe potuto finanziarne 9 in un solo anno)
TiME (Titan Mare Explorer, era una missione proposta come “barca” da lanciare nei mari di metano liquido di Titano, cancellata per il costo troppo alto) – costo: 330 milioni di euro (l’Italia poteva finanziarne 18 in un solo anno)
VISE (Venus In-Situ Explorer, era una missione proposta come lander sulla superficie di Venere, con tanti nuovi strumenti avanzati, cancellata per il costo troppo alto) – costo: 543 milioni di euro (l’Italia poteva finanziarne 9 in un solo anno)
– James Webb Space Telescope (erede di Hubble, sarà il più grande e più potente telescopio spaziale mai costruito! Fu quasi cancellato l’anno scorso per il costo troppo alto) – costo: 6.6 miliardi di euro (L’italia poteva finanziarlo da sola in quasi un anno solo)
MINOS e CDMS II (esperimenti per la ricerca delle particelle fondamentali della materia oscura) – costo: 23 milioni di euro (L’Italia poteva costruirne 260 in un solo anno)
SKA (Square Kilometer Array, in costruzione, sarà il più grande radio-telescopio di sempre, con un’area di raccolta di 1 km quadrato)- costo: 1.16 miliardi di euro (l’Italia poteva finanziarne quasi 6 in in un anno solo)
* MESSENGER (prima sonda ad entrare in orbita intorno a Mercurio e a mappare la superficie in alta risoluzione, oltre a confermare la presenza di ghiaccio d’acqua ai poli)- costo: 340 milioni di euro (l’Italia poteva finanziarne 17 in un solo anno)
PLANK (Il più grande e preciso telescopio spaziale per l’osservazione della radiazione cosmica di fondo, risalente a poco dopo il Big Bang)- costo: 543 milioni di euro (l’Italia poteva finanziarne 10 in un solo anno)
KEPLER (telescopio spaziale per la ricerca di esopianeti. Fino ad ora ne ha trovati oltre 2000 candidati) – costo: 387 milioni di euro (l’Italia poteva finanziarne da sola 15 in un anno)
CHopper (Comet Hopper, era un lander che doveva atterrare sulla superficie di una cometa per poi saltare da una parte all’altra della superficie. Cancellata per il costo alto.) -costo: 330 milioni di euro (l’Italia poteva finanziarne 18 in un solo anno)
ExoMars (programma europeo che prevede un rover della categoria di Curiosity, munito di una trivella che scenda fino a 2 metri di profondità + un orbiter dedicato + un lander secondario, attualmente è in forse per il costo molto alto) – costo: 1 miliardi di euro circa. (L’Italia da sola potrebbe finanziarne 6 in un solo anno).
Phobos-Grunt (missione russa che doveva atterrare su Phobos, la più grande luna di Marte, raccogliere campioni e rispedirli verso la Terra. La missione prevedeva anche un orbiter cinese nel prezzo. La missione è fallita per complicazioni) costo: 126 milioni di euro. (L’italia poteva finanziarne circa 47 in un solo anno)
Uranus Orbiter/Neptune Orbiter (missione proposte come orbiter dedicati all’esplorazione dei giganti gassosi freddi del Sistema Solare, insieme alle loro misteriose lune. Cancellate per mancanza di fondi) – Costo: 1.5 miliari di euro circa. (L’italia poteva da sola finanziarne due per ognuno dei pianeti, in un anno solo)
JEO (Jupiter Europa Orbiter + lander + orbiter gioviano. La missione prevedeva un orbiter americano dedicato all’esplorazione di Europa, la luna ghiacciata di Giove con un oceano sotto. La Russia contribuiva con un lander sulla sua superficie e la JAXA contribuiva con un orbiter dedicato all’esplorazione della magnetosfera di Giove. Missione cancellata per il costo troppo alto) – Costo: 4 miliardi di euro circa. (L’Italia poteva finanziarla abbondantemente da sola in un anno).
Missione Umana su Marte – Secondo le stime attuali, una simile impresa dovrebbe costare almeno 77 miliardi di euro. L’Italia potrebbe finanziarla da sola in 12 anni.
TSSM (Titan Saturn System Mission – doveva essere una missione congiunta tra NASA ed ESA per esplorare ancor più in dettaglio Saturno ed in particolare le sue due lune più eccitanti:Titano ed Encelado). Costo: 1.9 miliardi di euro. (L’Italia da sola poteva finanziarne almeno 3 in un solo anno).
Stazione Spaziale Internazionale (finanziata da USA+Europa+Russia+Canda+Giappone, e inclusi tutti i costi di riparazione, mantenimento e tutti i voli fino ad ora effettuati). Costo – circa 116 miliardi di euro (L’Italia poteva finanziarla da sola in 20 anni circa).

E per concludere:
Galileo Satellite Navigation System (si tratta di una vasta rete di satelliti europei molto avanzati che permetteranno di creare un’alternativa molto superiore e più precisa dell’attuale rete GPS americana.) costo: 1.1 miliardi di euro (L’Italia potrebbe finanziarne almeno 5 reti simili in un anno).

L’Italia: potenzialmente la prima potenza mondiale in ricerche spaziali; di fatto all’avanguardia mondiale in cialtroneria e creduloneria. E nel frattempo non costruiamo nuovi ospedali e scuole.

(fonte:newsleter Lin2Universe, che ringrazio)

Annunci

Informazioni su bruce

Ingegnere. Io sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci tu. (Massimo Troisi)
Questa voce è stata pubblicata in Attualità, Scienza e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Meglio la magia della scienza

  1. Rebecca o semplicemente Pif ha detto:

    Ciao Silvano, io non mi fatto mai le domande quanti soldi vengono investiti nella scenza astrofisica, non serve ad lamentarsi, ci sono cose in cui viene investito denaro di cui proprio non abbiamo bisogno (non so quanto incassa anula l’industria che produce le armi)
    Caspita avrei mai pensato che i maghi ecc incassano 6 miliardi di euro, ora mi domando quanti cretini abbiamo che investano in queste stronzate denaro?
    Noi dobbiamo pensare anche al prossimo futuro, noi non ci sariamo più ma ci sono i figli dei nostri figli ecc.. che hanno bisogno questa scenza per il futuro..
    Come sempre bellissimo post da riflettere, ti abbraccio Pif… un saluto anche a Bleff

    Mi piace

    • bruce ha detto:

      La scienza è attorno a noi. Tutto quello che ci circonda, tutto quello che usiamo è scienza. La ricerca è scienza. Il nostro cellulare che comunica con i satelliti è scienza, frutto della ricerca.
      Non finanziare la ricerca è come non mettere benzina nella proprio auto e tenerla nel garage per non viaggiare.
      ciao

      Mi piace

      • Rebecca o semplicemente Pif ha detto:

        Ciao Silvano, io potrei vivere anche senza cell 😀 comunque fra tutto questa scenza ci vuole anche un pò di coscienza… sperò che sei d’accordo con me 😀

        Mi piace

  2. strangethelost ha detto:

    Sapevo che gli idioti sono tanti ,ma non pensavo fossero un numero così alto!!
    Ciao,buona giornata.
    liù

    Mi piace

  3. strangethelost ha detto:

    Ciao Silvano,nel mio blog c’è posta per te!
    http://strangethelost.wordpress.com/2012/10/02/inspiring-blog-award/

    Mi piace

  4. ross ha detto:

    Per me molti non sono gonzi ma povera gente ignorante che si fà impapocchiare da maghi e streghette, Wanna Marchi docet…certo se avessimo una legge che impedisse a questi millantatori di esercitare un “mestiere” simile e una volta beccati li punisse severamente chissà,forse potremmo avere scuole più decenti ospedali e molto altro, sempre che i soldi non sparissero nelle mani di altri millantatori, ma mi sa che questo già succede!
    Un saluto da Enceladus 😀

    Mi piace

Il tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...