Visionari o ciarlatani?

Perché lo fanno?
Di cosa sto parlando? Parlo di alcuni fatti che ho letto sul sito di Paolo Attivissimo, (il disinformatico) e che riporto con qualche variazione. Vale la pena di leggere.

Non so se avete visto un video che girava su you tube di un certo Cohen scrittore del  paranormale che faceva vedere un mammut, sì proprio un mammut, che attraversava un fiume siberiano. Falso, miseramente falso. Una bufala. E come dice Paolo Attivissimo  sul suo sito i paranormalisti seri dovrebbero smascherarli e prenderli a calci nel sedere, aggiungerei io.  Ma non succede quasi mai. Chissà perché.
E pensare che il signor Cohen ha anche la pretesa di mettere sul video il proprio copyright. Simpatico. 

E poi? Quell’altro video che sembra mostrare una creatura serpentiforme che si muoveva sulla superficie di uno specchio d’acqua? E’ il mostro che abita nel lago irlandese di Lagarfljot, si è subito gridato.
Falso anche quello. Altra bufala smascherata. Anche stavolta il mostro non c’entra nulla. 

Ma non andate via ora viene il bello.
Sabato 11 febbraio verso le 22:30 vari testimoni oculari avrebbero visto una creatura “alta circa quattro metri” che “camminava lungo la strada”, specificamente a Udine, “la Napoleonica all’altezza della nuova rotonda di Mortegliano”. I cellulari misteriosamente muti avrebbero impedito di chiamare aiuto (e, guarda caso, di fare foto o riprese); le auto si sarebbero fermate in mezzo alla strada. L’incontro ravvicinato sarebbe stato accompagnato da avvistamenti di UFO e da altri eventi misteriosi.
Lo dice un operaio di 24 anni di Caffaro, che ha deciso di portare la propria testimonianza al talk show di RaiDue “I fatti vostri”. 

In un campo pieno di imbroglioni, ciarlatani, falsari e mitomani come quello dell’ufologia, in cui anche gli onesti (pochi, ma ce ne sono) dimostrano di essere creduli oltre ogni buon senso, come si può dare peso a una storia incredibile che ha un solo testimone e nessun riscontro concreto? Credereste sulla parola a uno che dice di aver visto un unicorno ma di non averne neanche una foto perché il telefonino era provvidenzialmente guasto e che dice che c’erano altre persone presenti ma non si sa chi siano? No? Appunto.

Ci sarebbe poi da chiedersi perché mai gli alieni, così tecnologicamente avanzati da valicare gli abissi interstellari, sarebbero così imbranati da farsi cogliere a passeggiare lungo la strada. Sono capaci di paralizzare i cellulari ma non dispongono di una tutina mimetica o del buon senso di star lontani dai terrestri? Siamo seri.

La “testa… tondeggiante… che terminava a forma conica”, con “gambe leggermente incurvate in avanti e con la parte posteriore formata da una sorta di tendini molto grossi”.  

Gli ufologi s’incazzino pure: per me queste storie sono solo boiate che ridicolizzano la vera ricerca di forme di vita extraterrestri.

Grazie  Paolo per questo articolo. Mi hai fatto divertire.

Annunci

Informazioni su bruce

Ingegnere. Io sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci tu. (Massimo Troisi)
Questa voce è stata pubblicata in Alieni, Bufale e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Visionari o ciarlatani?

  1. laura ha detto:

    Grazie per avermi fatta ridere di gusto. Ottimo post, lo condivido in pieno.
    Seguo anch’io Attivissimo. E’ una persona straordinaria.
    Come sono approdata sul Tuo blog? Non lo so …. girovagando o forse, è stato il profumo della cicerchiata a tirarmi dentro.
    Una stretta di zampa al cane.

    Mi piace

  2. MARGHIAN ha detto:

    Infatti Bruce!!!!! Qualche ufologo serio, sai di quelli rarissimi, dice che “queste cose danneggiano chi studia gli ufo in modo razionale e ponderato”. Le bufale sono un’offesa alla stessa scienza che cerca di capire cosa sia davvero la vita aliena, e non cavolate di questo tipo. Peggio ancora, gente “titolata” sfodera cirllatanerie nella speranza, spesso fondata, da far dire al lettore “ipse dixit” e dunque crederci.

    Un essere scimmiesco, o comunque orripilante alla “predator” che pilota un ufo dal design elegante e dalle prestazioni altro che la Ferrari….”…ma devono essere per forza mostruosi?!

    Un bel “clichet” od “archetipo” direbbe Jung (se esistono noi siamo comunque piu’ belli…un bel modo di tenere l’uomo al centro dell’universo…e magari questi esseri non hanno neppure l’anima!!!).

    Ricordi il film “signs”? “Cerchi nel grano”, nel film di natura aliena, *astronavi intergalattiche, ma….”arrr”, ruggiti da animale e unghie altro che lupo mannaro…*porte raschiate con quelle unghie..”evolutissimi ma cannibali “-peccato!-.. Ciao Bruce.

    Marghian

    Mi piace

    • bruce ha detto:

      Nel 1954 una delegazione guidata dal Presidente USA Eisenhower avrebbe incontrato gli ambasciatori alieni nel campo d’aviazione, poi divenuto l’attuale Base Edwards.
      Mentre si trovava al campo di aviazione di Muroc, Eisenhower fu testimone dell’atterraggio di un disco extraterrestre. Diversi visitatori stellari ne uscirono, per conversare con il Presidente e i generali. Gli extraterrestri chiesero che Eisenhower rendesse immediatamente pubblico il contatto tra gli alieni e la Terra. Il Presidente rispose che gli umani non erano ancora pronti, avevano bisogno di tempo per prepararsi a questa stupenda realtà,
      Fu un pilota collaudatore americano che raccontò dell’incontro ad un investigatore inglese.

      “Il pilota disse di essere stato una delle sei persone presenti all’incontro tra il presidente Eisenhower e gli esseri” spiegò l’investigatore inglese. E aggiunse: “Era stato chiamato in qualità di assistente tecnico grazie alla sua reputazione e alla sua abilità di pilota collaudatore”.
      Il pilota disse a Tranch: “Cinque diversi tipi di navi atterrarono all’interno della base. Tre erano dischi volanti, le altre due avevano la forma allungata, come sigari. Eisenhower si trovava in quei giorni in vacanza a Palm Springs, quando ci fu l’atterraggio. Fu chiamato immediatamente e gli fu chiesto di raggiungere la base il più in fretta possibile…

      Il presidente non poteva credere ai suoi occhi. Mentre guardava sbigottito insieme al suo ristretto gruppo di collaboratori, gli esseri scesero dai loro velivoli e si avvicinarono. ‘Sembravano umani, ma c’erano alcune differenze’, disse il pilota e descrisse i lineamenti degli esseri come molto simili ai nostri, l’altezza e la costituzione fisica più o meno come quelle di un uomo medio terrestre “…però erano calvi; e la testa di dimensioni leggermente più grosse della nostra… respiravano senza nessun casco o altro ausilio.”
      Parlavano inglese.
      ___________________
      Ora caro Marghian dimmi come si può dare credito agli ufostro…logi dopo un racconto del genere che circola sui loro siti.
      Mi domando come si fa a raccontare certe baggianate.

      – “Parlavano inglese”. Bravi questi extraterrestri, sicuramente parlano tutti i linguaggi del cosmo e forse conoscono anche il … sardo caro Marghian. Oppure hanno fatto uno di quei corsi autodidatti su cassette.
      – “Chiesero di comunicare la loro presenza al mondo.” Perché mai? E a quale scopo? Chi l’ha ascoltato? Ovviamente lo stesso pilota che era lì a fianco a fianco col presidente. Per quale motivo era presente un pilota? A cosa serviva? Per quale privilegio? Con quale funzione? Di assistente tecnico come afferma l’investigatore. Assistente tecnico di cosa?
      – “Tre erano dischi volanti. Le altre avevano forma allungata.” Strano una descrizione così generica fatta da un tecnico che era lì apposta come assistente.
      – “Sembravano umani, ma avevano un capoccione calvo. Respiravano senza casco”.

      Ecco ora tutto si spega: era una festa mascherata.

      Mi piace

      • MARGHIAN ha detto:

        Ciao Bruce.

        Certo non sono cose da credere, e quste cose vengono raccontate semplicemente a scopo lucrativo. Gli Ufo sono solo…ufo, oggetti sconosciuti-dunque dire che sono “alieni” e’ gia’ una pretesa di identificazione-. Un centro ufologico come il CISU, almeno per quanto ne so, non racconta simili cose, *per quanto ne so.

        “Anche il sardo”… questa e’ forte, Bruce.

        All'”assistente tecnico” e’ bastato “copiare”: “dischi a campana” e “astronavi a sigaro”, come da…”copione”, appunto. Ciao.

        Marghian

        Mi piace

  3. goldie ha detto:

    anch’io avevo scovato la notizie e mi è sembrata davvero divertente… quasi quanto questa:
    http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=182783&sez=STORIE
    peccato che sia da etichettare “bufala” 😦

    Mi piace

Il tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...