BlogFest 2011

Sabato 1 Ottobre a Riva del Garda in occasione del BlogFest verranno premiati i migliori blog per ogni tematica.
A questo proposito ho ricevuto un invito, quale aderente alle newsletter, a votare un blog di scienza. Cosa che farò.
Mi sorprende non vedere tra i canditati nessuno di quelli “professionali”  che frequento, della gran quantità di novelli poeti fai da te che ci sono in giro, dei simil-artisti della fotografia, dei presunti aspiranti redazionalisti,  e soprattutto il blog del mio cane che ci è rimasto molto male. Pazienza eppure è un gran esperto nella sua materia e di gran lunga migliore di molti “nominati”.

Tra questi mi sono imbattuto in un blog nella categoria “miglior articolo” nominato per il seguente articolo scritto da una ragazza : “Donne da non frequentare”
Giudicate voi. Ho messo tra parentesi un punto interrogativo su alcune voci di cui ho forti dubbi.

Quelle che fanno ufficio stampa
Quelle con più di 1000 amici su Facebook con cognomi che finiscono in -one; in -ato; in -azzo.
Quelle che riescono a indossare contemporaneamente i brand Rolex, Tiffany, Vuitton e Rayban.
Quelle con il cane nella borsa.
Quelle con le Hogan.
Quelle con le scarpe a punta.
Quelle con le ballerine.
Quelle che sono state con uomini famosi nel loro condominio.
Quelle che hanno disturbi alimentari.
Quelle con la Mini station wagon.
Quelle che sono state a Londra e sono tornate indietro.
Quelle con lo smalto scrostato.
Quelle che vomitano alle feste.
Quelle che sporcano gli asciugamani di fondotinta.
Quelle che vanno in Africa, si fanno le foto con i bambini e poi le mettono su Facebook.
Quelle che fanno teatro. (?)
Quelle che leggono Isabel Allende, Margaret Mazzantini, Isabella Santacroce, Stefano Benni, Daniel Pennac, Banana Yoshimoto, Paolo Coelho.
Quelle che comprano Vanity Fair.
Quelle che vestono Max Mara.
Quelle che si fingono ubriache.
Quelle che fumano le Marlboro Light.
Quelle che mettono il dolcificante nel caffè.
Quelle che accusano quelli con cui lavorano di maschilismo.
Quelle che limonano tra di loro in pubblico.
Quelle che stanno zitte quando il fidanzato parla con gli amici.
Quelle che si stupiscono quando l’Uomo non ha la Macchina.
Quelle che fanno guidare la loro Macchina sempre all’Uomo.
Quelle che dicono “Pupù”, “Pene”, “Vagina”.
Quelle che hanno amici froci che parlano di loro stessi al femminile.
Quelle che chiamano i figli Ludovico, Ginevra, Giansergio, Carlotta.
Quelle che la loro password è il nome del gatto.
Quelle che non sono mai entrate in un centro sociale. (?)
Quelle che non sono mai andate a un rave. (?)
Quelle che non hanno mai preso droghe. (?)
Quelle che parlano di psicofarmaci per ribadire che non sono delle ordinariette.
Quelle che parlano solo di lavoro.
Quelle che parlano di mestruazioni.
Quelle che quando hanno perso lavoro e mestruazioni parlano solo di figli.
Quelle con le valigie di Alviero Martini.
Quelle che dicono “Non gliel’ho data”.
Quelle che scrivono sulle riviste di arredamento.
Quelle che si sposano perché non hanno altri interessi.
Quelle che scopano i gruppi di amici, ma ordinatamente, fidanzandosi ogni volta.
Quelle che non lavorano. (?)
Quelle che dicono sempre “Mio padre”.
Quelle che scrivono mail lunghissime piene di punti esclamativi e interrogativi.
Quelle che non hanno la carta di credito. (?)
Quelle che non pagano mai loro.
Quelle che sono solo mamme.
Quelle che si definiscono un po’ pazze.
Quelle che si definiscono sensibili non perché sono capaci di cogliere le sfumature, ma solo perché piangono a vanvera.

Ed io aggiungerei
Le cozze
Quelle rifatte
Quelle con i denti ingialliti dal fumo
Quelle che si fanno le lampade
Quelle con le tette troppo grosse
Quelle vestite di rosso e tacchi a spillo
Quelle col rossetto rosso fin sotto il naso
Quelle con gli occhialini alla John Lennon
Quelle che dicono di leggere libri di poesie
Le tifose di calcio
Quelle che hanno la Smart
Quelle che dicono di essere ragazze semplici
La vegane
Quelle che si fermano ad ogni vetrina
Quelle che al liceo scrivevano temi da due protocolli, che ora sono professoresse di lettere alle medie e su facebook scrivono “sto rileggendo i classici”. (questa l’ho copata, troppo bella)
Quelle che la danno a tutti per uguale parità
Quelle che criticano le amiche
Quelle che fanno le liste delle donne da non frequentare.


Annunci

Informazioni su bruce

Ingegnere. Io sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci tu. (Massimo Troisi)
Questa voce è stata pubblicata in Intrattenimento, Società e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

9 risposte a BlogFest 2011

  1. semprevento ha detto:

    SOLO LA TU’ MOGLIE TI POLE SOPPORTA’!!!!
    SANTA DONNA QUELLA!!!

    VAI IN DOMO SIL!!! 👿

    buongiornoooooooooo!!!!!

    Mi piace

    • bruce ha detto:

      ah ah me lo dice anche mia moglie
      ma io dico la stessa cosa 🙂
      però per onestà devo dire che non rientra in nessuna di quelle cose descritte, rompe solo un po’, come tutte le donne :mrgreen:

      Mi piace

  2. semprevento ha detto:

    PS: manco per il manico della scopa voterei un articolo come quello… 😆

    Mi piace

  3. semprevento ha detto:

    ehm….eccerto!!!
    sono una donna sai!!!
    😀
    dunque…..
    ne dico una che riassume tutto:
    Sono complicata… 😆

    Mi piace

  4. semprevento ha detto:

    le donne …a volte son le più acerrime amiche delle stesse.
    Incredibile..
    Ecco cosa voglio dire quando asserisco che ci son donne che sono una vera offesa
    alla categoria Donna.

    …cmq secondo me gatta ci cova…
    penso che se casca sotto gli occhi di qualche acuto osservatore…
    ne esce uno scoop….magari si scopre che l’ha scritto un ermafrofita…
    http://it.wikipedia.org/wiki/Ermafroditismo :lpl:

    Mi piace

  5. bruce ha detto:

    questo è il blog della ragazza anche se mi sembra più una ragazzina in cerca di notorietà attraverso la provocazione,
    http://ildeboscio.com/2011/01/07/donne-da-non-frequentare/
    ha 2456 amici su facebook, non si conoscono i loro cognomi e per come finiscono, forse tutti … in-glioni..

    Mi piace

  6. semprevento ha detto:

    ahhhhhh
    il deboscio che sarebbe poi il debosciato….
    un modo un pò disgraziato di definire una persona…
    allora ho capito…manco ermafrodita è!!!
    …forse solo un po’ sovversiva…
    beata gioventù….potrebbe avere altre opportunità
    ma questo è quel che passa il convento…
    Domani lo vo a vedè….
    😀

    Mi piace

Il tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...