Cartolina dall’universo

Questa foto merita la pubblicazione.

Ma cos’è? – mi chiede il mio cane –
E’ una cartolina dall’universo di 12,9 miliardi di anni fa. Bella vero?

E’ il quasar più lontano e luminoso mai scoperto, che racchiude al suo interno un mostruoso buco nero con una massa pari a 2 miliardi di volte quella del Sole.
Questo quasar è stato scoperto da un gruppo di astronomi europei coordinati dall’Imperial College di Londra grazie ai dati raccolti da numerosi telescopi, fra i quali il Very Large Telescope (Vlt) dell’Osservatorio Meridionale Europeo (Eso).

Ti ricordo, mio caro amico fedele, che i quasar sono fra gli oggetti cosmici più bizzarri e brillanti, tanto da essere considerati dagli astronomi veri e propri ‘fari’ utili per fare luce sull’epoca in cui si sono formate le prime stelle e le galassie.

E qual è la importanza di questa scoperta?– mi domanda ancora il mio cane.
Questo nuovo quasar, in particolare, potrà aprire ai ricercatori una finestra su una fase della vita dell’Universo ancora poco nota, compresa fra 150 e 800 milioni di anni dopo il Big Bang.
In questo periodo l’universo era dominato da una nube di idrogeno, che cominciava appena ad essere attraversata dalle luce ultravioletta delle prime stelle e delle galassie neonate.

Tutto qui? Queste cose le sapevamo già. – mi risponde Bleff?
Visto che sei curioso e fai anche il saputello allora ti dico che questo nuovo quasar chiamato ULAS J1120+0641 è un oggetto molto raro e ci dovrebbe aiutare a capire come mai i buchi neri supermassivi sono riusciti a formarsi solo poche centinaia di milioni di anni dopo il Big Bang.
Fino ad oggi, infatti, si pensava che la formazione di buchi neri così grandi richiedesse un lasso di tempo maggiore.
Contento?


Annunci

Informazioni su bruce

Ingegnere. Io sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci tu. (Massimo Troisi)
Questa voce è stata pubblicata in Astronomia, I misteri dell'universo, Ultime dallo spazio, Universo e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Cartolina dall’universo

  1. semprevento ha detto:

    Ecco, è quel 12,9 miliardi di anni fa che non capisco!!!!
    All’epoca mica c’erano le Carmen…. 🙂
    mi manca qualche tassello ..lo pensa anche Bleff!!
    Ora leggo il resto!

    Mi piace

  2. semprevento ha detto:

    …sicuramente ne sa più Bleff di me..ma parte avvantaggiato, si sa!!!
    Certo che la Terra è vecchia!
    E te parli di miliardi di anni come fossero noccioline per le scimmie.
    E’ impensabile pensare ai buchi neri, così mostruosamente belli.
    La cartolina mi lascia con quell’espressione ebete di un tossico strafatto di coca
    tanta è la bellezza.
    ma mi sovviene una domanda e credo tu sappia qual’è,
    e pure Bleff.
    ma servirà davvero a qualcosa, sapere, scoprire che milioni e milioni di anni fa si creavano questi buchi in un lasso di tento minore da come si immaginava?
    aiuterà la terra in qualche modo?
    io credo che se non saremo noi ad aiutarla, la vedo dura.
    MA SAI, LA MIA OPIIONE è TALMENTE OPINABILE!

    BELL’OMO, MA CIAOOOO!!!

    Mi piace

  3. bruce ha detto:

    Bella la cartolina vero? Ci ha messo quasi 13 miliardi di anni alla velocità della luce per arrivare fino a noi e poi ci siamo sempre lamentati dei ritardi delle poste italiane a recapitare le cartoline. Però questa è arrivata, ho sentito di cartoline, lettere e raccomandate che non sono mai arrivate a destinazione.

    Ah ah, si vede che sei una donna pratica coi piedi per terra.
    E’ vero tutto questo non servirà a salvare la terra, come non serve a nulla continuare a farci domande sulla esistenza di Dio per salvare il mondo eppure ce le facciamo.
    La scienza è fatta così, alle volte sembra inutile, ma io credo che è un patrimonio di conoscenze da lasciare ai nostri figli e ai figli dei nostri figli, che a loro volta le lasceranno ai figli dei loro figli. Così è successo per la elettricità, le nostro auto, i cellulari e nel futuro forse queste ricerce senza senso ora ci saranno utili per capire cosa ci aspetta nell’universo per i futuri viaggi nello spazio. Anche se io penso che un po’ tutti noi, scienziati compresi, siamo come le persone alla ricerca dei propri genitori mai conosciuti. Ovvero le nostre origini: le origini del nostro universo.

    Intanto ho lasciato la mia carta di credito nelle mani di mia moglie per qualche tempo ed ora ho scoperto un buco nero nel mio conto in banca. E per me è più preoccupante dell’essere inghittito da un buco nero.
    Ciao bella donna.

    Mi piace

  4. semprevento ha detto:

    🙂 …eccoooo, forse è per questo che io carte di credito non ne ho mai avute!!!!
    al massimo il codice fiscale!!!
    però di buchi ….peggio del groviera!
    A parte gli scherzi, quello che hai detto è molto vero…
    probabilmente a me parrà inutile, ma non lo è..assolutamente”””!!!
    e non è che penso sia inutile la ricerca spaziale e tutto ciò che è legato all’universo , buchi neri compresi….penso che ci siano altre priorità…altri quesiti da risolvere prima.
    ma poi alla fine mica son soldi spesi male…..e da qualche parte bisogna incominciare.
    A ognuno il suo ruolo…
    quello che non capisco però ( c’ho un sacco di cose che nn capisco 😦 ) come mai anche tra gli scienziati astronomi e risme varie ci sia una netta divisione tra chi credere che tutto sia stato opera di Dio ( ci sono voci autorevoli) e vhi invece è un fervido ateo….Mah.

    Ieri ero davanti casa ..mi son dimenticata le chiavi, aspettavo Sara 🙂
    Si son fermati due giovani ragazzi tanto carini uno di loro si chiama Giove….
    sono Mormoni….ma bellini, molto educati, sempre vestiti con la camicia bianca e la cravatta blu a strisce grigie…in bici…Non si sgomentano mai….Io per ammazzare il tempo anche se no ero sola, mi son messa di buona lena a dirgli che credo nel male…il mondo ne è pieno….che sono atea…non è che sia vero, però s’avvicina alla verità. Che ci sono troppi “Dio” , che non prego mai, non so farlo. Che però ogni tanto vado in chiesa per trovare quel silenzio perfetto che mi solleva un pò. Alla fine mi ha risposto con quell’accento alla Don Lurio, ” vuoi pregare con me?”
    maremma maiala!!!! gli volevo dire!!! ma allora sei Duro!!!! ..ma non gliel’ho detto, lo avrei fatto diventare tutto rosso!!!
    Cmq, anche la signora Margherita mi ha detto che non sa pregare….però lei c’ha la statuina di Padre Pio in camera e il crocifisso sulla testata del letto….UHM….. io ho solo un santino di san Nicola che mi è stato regalato a Cagliari da un frate. Me lo ha benedetto con un semplice gesto…
    ed io guardandolo gli ho sussurrato ” Giù fatto?”
    Il tempo però è passato …e Sara è arrivata….sdhignazzando….aveva già capito l’antifona!!!!
    “””Le chiavi?????””” in casaaaaaaa!!!””” 😀

    Mi piace

  5. bruce ha detto:

    Aoo, vento, credo che non è la prima volta che dimentichi le chiavi o sbaglio? Per fortuna c’è tua figlia.
    Dio? Credo che tutti anche il più credente qualche volta ha dubitato. Poi ho notato che tutti gli scienziati inizialmente non sono credenti, ma poi quando più ti spingi oltre nella ricerca, più scopri la perfezione della natura, le sue complicate leggi, il motivo per cui è stato creato tutto questo immenso universo troppo grande per un insignificante pianeta come la Terra destianto tra l’altro a durare un tempo infinitesimale rispetto ai tempi cosmici, allora non puoi fare a meno di pensare che dietro tutto questo ci deve essere un perchè, che c’è una mano che alcuni chiamano Dio altri il caos altri la casualità, altri Pippo altri Pluto o Paperino ma che comunque tutti cercano da dargli un nome. E forse è questa la spiegazione perchè spingiamo sempre più in là la nostra ricerca.

    Dove avevi messo le chiavi?
    Notte bella, domani altro viaggetto.

    Mi piace

  6. semprevento ha detto:

    o Bruce!!!!
    le avevo lasciate sul tavolo pensando di averle prese!!
    e non è la prima volta!!! hai ragione….
    …pensa però se dietro a tutto questo ricercare e chiedersi e rovesciare
    e contare ecc ecc ci fosse solo un gran bel ….buco Bianco!!!
    che ne dici?
    a volte penso che proprio per tutte queste leggi formule e cose varie,
    tutte queste complicanze , fili che si intrecciano….si annodano
    si snodano e pietre che si fondono e si accumulano su macerie e non…
    ti dirò, secondo me un Dio no c’è…troppo complicato come Dio..
    ma troppo davvero!!!
    e che diamine!!!!!
    😀
    scusa sa, ma io ho la mia teoria….

    Mi piace

Il tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...