Primo bambino OGM

La notizia è questa:
In Spagna un bambino nato qualche giorno prima di Natale non si ammalerà di cancro grazie alla legge sulla riproduzione assistita che autorizza la selezione genetica di embrioni liberi di determinate malattie legate ad un unico gene. E con lui non si ammaleranno i suoi figli.
La cosa è stata resa possibile “pulendo” i suoi geni malati, quegli stessi che per generazioni i suoi familiari si sono continuati a trasmettere.

Come?
Con un esperimento unico al mondo, sono stati fecondati diversi ovuli, producendo embrioni, due dei quali, “puliti” del gene Brca1, sono stati impiantati nella madre, nella cui famiglia si erano verificati diversi casi di cancro. Uno solo dei due è sopravvissuto. E nove mesi dopo è nato il primo bebè privo di Brca1.

La notizia apre le speranze per tutti coloro che hanno familiari o loro stessi sono portatori di malattie per le proprie generazioni future. Ma contemporaneamente apre il dibattito sulla liceità di simili interventi. Ho letto già alcuni commenti su giornali online che temono che queste manipolazioni non sono delle vere cure mediche e possano alimentare una selezione genetica degli uomini.

Ora non mi rimane che leggere cosa ne pensano coloro che si oppongono alla patata OGM e per qualsiasi modifica del patrimonio genetico con tecniche che consentono l’aggiunta, l’eliminazione o la modifica di elementi genici.


Annunci

Informazioni su bruce

Ingegnere. Io sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci tu. (Massimo Troisi)
Questa voce è stata pubblicata in Salute e Benessere, Scienza, Società. Contrassegna il permalink.

9 risposte a Primo bambino OGM

  1. semprevento ha detto:

    Caro Silvano,
    son serissima .
    Questo argomento mi tocca moltissimo.
    Il quesito che tu poni è legettimo.Come in tutte le cose c’è un pro e un contro.
    Le opinioni di altaleneranno tra morale etica e religiosa .
    L’essere umano ha la capacità di complicare tutte le cose.
    Ora mi chiedo: perchè non dare la possibilità ad una madre di avere un figlio sano?
    Vorrei sottolineare l’importanza del “TUMORE” , malattia di cui alla fine non si conosce così tanto da non averne paura.
    Io di i,,orale non ci vedo assolutamente nulla nel cercare di debellare un gene portatore
    di malattia. E non ci sono quelli tumorali, ci sono malattie diverse, che rendono i bambini diversamente abili e a cui aspetta un’infanzia infelice, nonchè la crescita in un mondo normale.
    Una madre se avesse la possibilità di scegliere credi che rifiuterebbe una simile chance? Io credo di no, neppure se appartenesse a quella schiera contro gli ogm, religiosa e devota a PadrePio e quant’altro.
    Sulla religione non mi pongo il quesito perchè considero tale cosa una perdita di tempo.
    Troppi coglioni a blatera sentenze, e aggiungo “proprio loro!!”
    Semmai posso aver dubbi ce l’ho sull’uomo, questo grande sconosciuto!
    Questa opera di ripulimento (o scarto) del gene malato, ha un bel costo.
    oggi qui in Italia si aggira intorno ai 6mila euro. Se poi vuoi la fecondazione assistita in vitro che l’Asl i proprone la trafila è così lunga che una donna può andare benissimo in menopausa e tornare!
    Ne so…caro Silvano.
    Quindi opterei per una giusta causa, il debello di una malattia genetica io credo sia una vittoria per tutti quelli che son malati INGUARIBILI. Senza via d’uscita.
    Il desiderio di avere un figlio sano laddove non c’è la possibilità credo sia un bisogno primario.
    Mia figlia su questo argomento non transige. Pensa la stessa mia cosa….anzi no, io la penso come lei. Poi il pensare alla patata OGM, che sa di colla e non di patata….
    a me onestamente non me frega nulla. Scelgo di non mangiarla. Scelgo pomodori che sanno di pomodori. Ho sentito parlare anche questi sostenitori, son dei gran coglioni pure loro. Ma il tipo che ho sentito io parlava della fame nel mondo, di quanto sia importante continuare a produrre alimenti sani e in tempi veloci. Così tutti avranno da mangiare e si debella la fame nel mondo. Come se la fame fosse una malattia!!! Questo, secondo me è uno stato di”grazia” in cui l’uomo ha la colpa di essere così stronzo da non curarsi di quanta cattiveria sia nel suo animo…
    ma anche qui si scenderebbe a dei livelli talmente bassi…. che le mie considerazioni, a niente valgono.
    Credo di esser stata chiara una volta tanto.
    La ricerca va avanti …la cosa che magari mi “indispone” è che qualcuno possa pensare di fare un figlio su misura, bello alto inteligente e con gli occhi verdi o azzurri…senza pensare a tutto il resto, anzi strafregandosene di quanto lavoro e ricerca c’è dietro una scoperta di questo tipo.
    Non si scherza col futuro dei nostri figli. Mai.
    un bacio
    vento

    Mi piace

  2. silvanodonofrio ha detto:

    Carissima Ivana
    Condivido totalmente il tuo commento .. da bar.
    E visto che proprio qualche minuto fa sono ritornato dopo una bella passeggiata lungomare con il mio cane, dopo che sono passato dal solito bar/pasticceria dove ogni domenica mattina compro le pastarelle per la colazione per la mia cara famigliola, dopo che mi sono gustato una colazione da favola con una bella tazza di caffè latte e bombolone alla crema come si fa al bar, visto che ho soddisfatto lo stomaco e il palato, sono bello che pronto a fare discorsi da bar.

    Ogni passo in avanti nella ricerca scientifica nel campo medico e soprattutto tutto ciò che riguarda la manipolazione genetica pone puntualmente seri problemi etici, discussioni su ciò che è giusto e quello che non lo è.
    Secondo me questo tipo di successo incoraggia e fa bene alla ricerca scientifica, ma nello stesso tempo le cose vanno spiegate bene e vanno prese con le dovute cautele per non alimentare false aspettative. Dico questo perché il 7 maggio prossimo saranno esattamente venti anni dalla scoperta del diabete in Adriano e proprio a quell’epoca le scoperte di quel periodo ci avevano illuso di una imminente sconfitta di questa malattia. A distanza di anni, le ricerche sono andate avanti, ma ancora non si vede nulla di concreto. Il famoso gene “pulito”, il Brca1 è portatore, a quanto sembra, di un solo tipo di tumore, quindi la sconfitta di questa malattia è ben lungi da essere debellata.
    Tuttavia è giusto che la ricerca vada avanti, perché c’è molto lavoro da fare per il bene delle famiglie, per il bene della umanità, perché non si può fermare la scienza. Ma soprattutto io credo che questo tipo di ricerca deve porsi l’obiettivo e la domanda se può veramente risolvere il problema dei tumori.
    Ho letto che sono 2 milioni e 250 mila gli italiani che vivono con una diagnosi di tumore (il 4% dell’intera popolazione). La maggior parte sono donne (1 milione e 250 mila) e anziani, tra le quali mia madre.

    La domanda allora viene spontanea: come è possibile intervenire su questa imponente massa di persone affette da tumori che a loro volta sono portatrici della stessa malattia nelle loro generazioni future? Per debellare questa malattia radicalmente tutte le donne dovrebbero essere sottoposte alla pulizia dei loro embrioni e sinceramente la cosa mi sembra altamente improbabile. Quello che è certo è che ancora una volta questo tipo di intervento sarà solo esclusività di chi potrà permettersi di spendere una ingente quantità di euro. E alla fine i beneficiari saranno sempre i soliti, mentre la stragrande maggioranza della persone dovrà “accontentarsi” di essere baciata dalla fortuna.

    In parte do anche ragione al signore che diceva che la medicina deve porsi come obiettivo la sconfitta totale di questa malattia e di dare la possibilità a “tutti” e non solo ad una parte di beneficiare dei risultati delle ricerche scientifiche, proprio perché è un bisogno primario come dici te. Ma non dobbiamo trascurare il fatto che se oggi per fare una semplice mammografia per individuare eventuali tumori ci vogliono attese anche di anni, puoi immaginare quando saranno lunghe le operazioni di pulizia di questi embrioni, quanti laboratori “legali” dovranno essere aperti e “controllati” affinché tutto proceda “normalmente” per soddisfare tutte le richieste, tutto ciò non può che scoraggere le future mamme da questo tipo di intervento.

    Non per ultimo non bisogna sottovalutare proprio i rischi che tali tecnologie possano finire non in mano a chi ha a cuore la salute ma proprio in mano a speculatori che approfittano del desiderio (legittimo) di avere i propri figli alti sani intelligenti e bellissimi.
    ciao bella (te che cura hai fatto?)

    Mi piace

  3. semprevento ha detto:

    …di primo mattino una bella chiacchierata da bar ci voleva!!!
    Ieri pomeriggio parlando con Saretta del tuo post ( sei spesso tra i piedi!)
    lei ad un certo punto ridendo m’ha detto:- O che c’entra la chiesa??? Ah beh, quella c’entra sempre!- lei un pò ce l’ha con i pretaioli, il Papa e tutto il seguito.
    Non sono riuscita a darle uno spunto per accrescere la sua fede…mia grande mancanza, nel senso che lei, la fede,non la considera un atto incondizionato…e in fondo c’ha ragione.
    E’ circondata da un mondo assai crudele, dove Dio ci ha dimenticato. Io le rispondo sempre – O siamo noi che abbiamo dimenticato LUI?- ma questo sembra non scalfirla assolutamente. Lei crede nella scienza e nell’uomo. E’ questo il suo atto di fede.
    E direi che è un bell’atto.

    Quello che scrivi è tanto giusto. Ci pone sempre davanti a quel quesito di come l’uomo affronti tali scoperte, quei passi avanti inevitabili, ma che poi debbano essere necessariamente volti al benessere dell’umanità, e non solo per i soliti ” conosciuti”.

    La Ricerca di Sara è una ricerca legittima, ma non perchè è mia figlia, perchè non oso pensare a quando dolore le provocherebbe mettere al mondo un bambino con i suoi stessi limiti visivi, di tutte quelle conseguenze psicofisiche che un tale impedimento porta in se. Lei come madre, il bambino come figlio.
    Quindi non posso che sperare in un futuro pieno di innovazione ONESTA atta a debellare , se non proprio tutto ( lo ritengo quasi impossibile) almeno una parte di quelle importanti malattie che sono fonte di tanto dolore.

    Non mi va di pensare che la salute sia solo per alcuni.
    Sono stufa di sentire tanti discorsi sulla morale.
    Vogliamo parlare delle case farmaceutiche? eh….ce n’è ce n’è da dire!!
    Vogliamo parlare dei farmaci salvavita? del loro prezzo?
    Delle malattie catalogate rare? e per questo “rare” riesci a non pagare il tiket in ospedale, ma quando poi devi comprare il farmaco , te lo devi pagare?
    e che una visita ospedaliera te la concedono( già , perchè è una concessione, quasi un lusso) tra 6 o 8 mesi quando ti va bene? e sei costretta ad andare da uno specialista e paghi di tasca tua?
    la lista si allungherebbe assai….ma diventerebbe una chiacchera da bettola , il che è peggiore della chiacchiera da bar!

    Bon,
    ciao bell’omo ….alla prossima.
    PS: tuo figlio Dany è un figlio Fortunato ad avere un padre frequentatore di bar.
    vento

    Mi piace

    • silvanodonofrio ha detto:

      Tua figlia e mia figlia si dovrebbero parlare, sembra che parlino la stessa lingua. Anche lei ce l’ha con tutto l’ordine ecclesiastico e compagnia bella, diventa addirittura furiosa, allora è meglio lasciare stare, cosa che io ho fatto da molto tempo. Ma il motivo è molto semplice. Una malattia normalmente genera due atteggiamenti. Di speranza e di risentimento, ovvero inizialmente si ha fede in qualcosa che possa risolvere il proprio problema, prima con la medicina ordinaria legale, poi con quella semi-legale, poi nella fede, e quando viene a mancare anche quella allora ce la prendiamo con il Signore per essersi accanito contro di noi appioppandoci il peggio delle malattie. Strano sentimento proprio in coloro che non credono in Dio e poi lo accusano di averci creati “fallati”.
      Ritornando al discorso originario, io credo che in questi casi non c’è cosa migliore che avere fede proprio nella scienza, che a piccoli passi, chissà se piano piano riusciamo a mettere a punto, a “giustare” questa macchina che è il corpo umano.
      Ciao bella, è ora di pranzo, vado a vedere cosa c’è di buono oggi.

      Mi piace

  4. business review ha detto:

    La biologia della terapia umana del gene e molto complessa e ci sono molte tecniche che ancora devono essere sviluppate e malattie che devono essere capite piu completamente prima che la terapia del gene possa essere usata giustamente. I partecipanti importanti al dibattito sono venuto dai campi di biologia del governo della legge della medicina della filosofia delle politiche e della religione ogni viste differenti portanti alla discussione..Gli scienziati hanno preso la misura logica di provare a introdurre i geni diritto nelle cellule umane mettente a fuoco sulle malattie causate dai difetti del singolo-gene come e .

    Mi piace

  5. I rungs della scaletta sono fatti di o con complementare modelli…….G-Z…Gene..Lunita delleredita negli organismi viventi messa tipicamente in una sequenza di monomeri di che componga un filo lungo o acido deoxyribonucleic. Un gene particolare puo avere forme differenti di multiplo o di che sono definiti dalle sequenze differenti …..

    Mi piace

  6. semprevento ha detto:

    Son tornata qui a leggere…
    a prescindere che non ho capito praticamente nulla, cioè ho capito perchè conosco il problema della pulizia dei geni…il resto lo capisco solo perchè è un argomento così complicato e complesso da non capirci nulla.

    Caro Bruce, nel frattempo sara ha scoperto che per concepire un figlio sano esiste un 50 e 50 di probabilità che nasca con il suo stesso problema.
    Anzi, ti dirò di più…L’aniridia porta in se una miriade di sfumature….con conseguenze devastanti. E’ portatrice di un rarissimo tumore renale fulminante. Se Dio vuole questa patologia è assai rara ma esiste.
    Ora la cosa più strana è che un solo oculista 22 anni fa ci parlò di questa eventualità ,
    quindi noi abbiamo sottoposto Sara ad un ecografia prima ogni tre mesi poi ogni sei e poi ogni anno, sino all’età di 13 anni….l’ecografo ricordo che era una persona squisita, unico ecografo del pediatrico a Pisa….Massimetti è il suo nome.
    Quando siamo andati a Roma l’equipe di un noto professore, di cui non ricordo il nome( fortunatamente) ma che operava a villa rosa, clinica privata, cadde dalle nuvole, Sara aveva 9 mesi, nel sentire questa eresia, a suo parere tirata fuori da chissà quale imbriacatura della mente! Boi però come genitori non abbiamo mai smesso di indagare…e dato che l’eco non è una procedura invasiva abbiamo continuato.
    oggi scopriamo che abbiamo fatto bene, perchè è vero che questa probabilità esiste.
    Vedi, non ammetto che ci siano dottori di prima e seconda categoria…anche tra loro c’è una competizione che va a scapito della nostra salute. E’ questo che è devastante.
    E’ questo che mi fa rabbia, chi mette al servizio il proprio sapere con una ricompensa che a volte mi pare davvero esosa.
    Non sono rari gli episodi in questo senso…500 euro di parcella son tanti…son l’affitto di un mese…
    Poi sento alla tv che la dinastia della Ferrero è colpita dalla maledizione!!!
    Ma perchè , i ricchi non si ammalano come i poveri? la maledizione colpisce eccome anche i poveri!!! ne conosco di persone cosiddette normali che dopo la morte di un figlio , muore il marito, il nipote e via via….non è questa una maledizione? ma nessuno ne parla…nessuno si chiede come vivono quelle persone con gravi disagi fisici…malattie incurabili che li costringono ad una morte lenta e inesorabile.

    I geni puliti….ce n’è bisogni…ma c’è bisogno di clemenza al dolore, al rispetto umano per tutti…su questo credo siamo in armonia. Io e te!

    ciao bell’omo…ne ho di cose da raccontare….ogni tanto lo faccio, ma solo con te!!!!
    bacio
    vento

    Mi piace

  7. silvanodonofrio ha detto:

    Ho dovuto fare un ricerca per documentrami sull’aniridia. Una malattia assai rara causata dalla alterazione del gene PAX 6, situato nel cromosoma 11.
    Non so se in questo caso la genetica può intervenire, ma ti do ragione sulla incompetenza dei medici, specialmente degli specialisti, che essendo proprio degli specialisti in quella materia non dovrebbero avere difficoltà a riconoscere le malattie e ad avere davanti ai loro occhi (è proprio il caso di dirlo) tutte, ma proprie tutte le complicanze.
    Beh, allora ti racconto cosa è successo a mia figlia. Le prime mestruzioni le sono arrivate notevolmete in ritardo, e successivamente erano molto irregolari. In più la crescita sembrava molto rallentata, mentra cresceva la massa muscolare.
    Abbiamo perso un mare di tempo dietro a medici fasulli e superficiali. La risposta era sempre la stessa: tutto passerà con la crescita.
    Non solo i disturbi persistevano, ma aumentavano. Stanchi, la facciamo visitare da uno specialista, che a quattrocchi ha comunicato a mia molgie, dopo una serie di analisi, che la nostra figlia aveva un tumore al cervello, con relative massicce cure, che non hanno portato alcun miglioramento.
    Non ti dico nient’altro. Puoi capire.
    Mia moglie non si è arresa, una succesiva visita con ricovero a Milano ha evidenziato un piccolo angioma che comprimeva l’ipofisi. E’ bastato ridurlo con alcuni medicinali che ha dato la normale funzionalità all’ipofisi, causa di tutti i suoi disturbi.
    La morale? La medicina fa costantemente passi avanti, come la genetica, la ingegneria genetica, solo i più bravi medici riescono a reggere il passo. In questi casi i 500 euro sono ben spesi.
    Ho anch’io molto da raccontare e non sono tipo da raccontarle a chicchesia.
    Buona notte bella.
    Bruce

    Mi piace

  8. semprevento ha detto:

    caro Bruce,
    Non ho parole…
    di sicuro nella vita ne abbiamo passate abbastanza.
    E quando ci tocca i figli…diventa tutto tremendamente
    reale. Non che non lo sia anche se riguarda altri…ma i figli
    sono il frutto di scelte piene d’amore…mi capisci …
    Quello che mi spiace è che di professionalità c’è un pò troppo poca…
    mrdici che si perdono l’occasione buona per far del bene…quello per cui,
    del resto, hanno studiato e in seguito giurato.
    Comunque tutto è bene quel che finisce bene….
    Tua figlia è una “bella figlia”…ma soprattutto mi par d’aver capito che ha un bel caratterino…e questo a me basta per capire un pò più le cose…

    ti lascio un link dove troverai un pò d’aria serena…
    qualcosa avrai letto…perchè ci sono pure io…accidenti!!!
    http://ilmondodiarthur.wordpress.com/2011/04/21/the-best-magazine-2-11/#comment-7332
    bacio bell’omo..
    e forte!

    Mi piace

Il tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...