Bolle cosmiche

Questa cosa sui multi-universi mi affascina. 

Perché?
Finora il miglior modello per descrivere la nascita e l’evoluzione del nostro Universo è noto come modello cosmologico standard, in base al quale lo spazio, il tempo, la materia e l’energia si originarono da una colossale esplosione iniziale, il Big Bang, seguita da un periodo di rapida espansione accelerata, l’inflazione. Poi, in un crescendo di complessità, si sono via via formate le strutture ordinate che oggi osserviamo: galassie, stelle, pianeti, vita, esseri umani, più delle volte ragionevoli e, in qualche occasione, ubriachi.

Ok! Tutto bello, tutto risolto? Neanche per idea.
A mente sobria, l’idea di un universo inteso come un insieme unico e di una sua nascita repentina e improvvisa, suscitano non poche perplessità.
E infatti già da qualche tempo gli scienziati si chiedono cosa sia successo prima, insomma quali sono state le condizioni iniziali dalle quali ha avuto origine l’Universo dove viviamo.

Ora qualcuno di voi si sta domandando: “ecco adesso arriva una di quelle pallose lezioni di fisica astronomica”. Tranquilli. Sarò rapido ed indolore. E poi non ne sarei proprio capace.

Uno studio recente ha rilevato nella radiazione cosmica di fondo quattro “tracce” circolari la cui formazione risulta statisticamente improbabile.
Cosa vuol dire.
Vuol dire che queste “impronte” possano essere associate a quattro interazioni che il nostro Universo avrebbe avuto nel passato con altri universi. Se ciò si dimostrerà vero, potrebbe essere la prima evidenza che i multi-universi sono una realtà.
Fine.

Beh, non esageriamo, diciamo qualcosa di più.
L’idea che esistano tanti universi non è nuova dato che gli scienziati hanno già suggerito che viviamo in una sorta di multiuniverso che consiste di infiniti universi. Il concetto di multiuniverso nasce dall’idea della cosiddetta ‘inflazione eterna’ in cui parti diverse dello spazio sono soggette a diverse fasi inflazionarie creando un insieme di “bolle cosmiche” ognuna delle quali rappresenta un universo. L’inflazione eterna avviene infinite volte, crea infiniti universi che danno luogo al multiuniverso.

Questi infiniti universi vengono chiamati “universi a bolle” anche se hanno forme non esattamente rotonde o circolari, e possono muoversi facendo sì che, di tanto in tanto, accadano delle collisioni con altre bolle cosmiche. Queste collisioni producono delle increspature all’interno dell’universo bolla e possono apparire come “tracce” nella radiazione cosmica di fondo, anche se queste idee devono comunque essere verificate sperimentalmente.

Gli scienziati sperano che la ricerca di queste collisioni delle bolle cosmiche fornisca degli indizi sulla storia dell’Universo a prescindere dal fatto che esse siano, o meno, reali.


Annunci

Informazioni su bruce

Ingegnere. Io sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci tu. (Massimo Troisi)
Questa voce è stata pubblicata in I misteri dell'universo e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Bolle cosmiche

  1. luigi ha detto:

    E non si potrebbe avere un riferimento preciso al recente studio per favore, o almeno dove reperire questa notizia? Sa, io sono dottorando in astrofisica e a me è sfuggita, per cui potrebbe essermi utile saperlo. Molte grazie,

    Luigi

    Mi piace

    • silvanodonofrio ha detto:

      Questa sì che è una bella e gradita sorpresa. La cosa mi fa immensamente piacere.
      Sono un appassionato di astrofisica pur essendo un ingegnere. Potremmo scambiarci reciproci commenti, lasciando da parte la politica che ho bandito dal mio blog.
      Se hai tempo (mi permetto di darti del tu) leggi alcuni dei miei articoli che ho scritto a tale proposito, rinunciando alle formule che non interessano nessuno sui blog, appesantiscono la lettura, fanno calare il latte alle ginocchia, diventano noiose e allontanano il lettore. Lo faccio con ironia, come un gioco.

      In merito alla tua richiesta ti do la fonte originaria se mastichi l’inglese. L’articolo è di Stephen Feeney e lo trovi qui, o più in generale qui.

      Mi piace

  2. semprevento ha detto:

    wow….quindi io qui non ci faccio niente!!!
    per me le bolle son quelle di sapone!!!
    A parte la battuta, la mia conoscenza si ferma a Sirio.
    E non va oltre.
    Bene, avevo capito qualcosa…chissà forse la febbre, ma pensavo
    veramente che avrei ritrovato Luigi qui.
    Bruce…sono a pezzi e mi ritiro per deliberare.
    buona domenica a entrambi….ve la meritate.
    ciao bell’omo!
    vento
    PS: comunque ho letto ugualmente!!!

    Mi piace

  3. Courtney Ramos ha detto:

    Stando cos le cose il modello del Big Bang viene a crollare perch sarebbe come dire che il fatidico DIQ con la possibilit di mettere in moto Universi un Essere che fa partire Bolle Cosmiche di ritardo che si espandono per poi contrarsi e scomparire. Va ancora detto che nel modello del Big Bang si tratterebbe di un programma scritto che si sviluppa sempre allo stesso modo con un inizio ed una fine identiche in tutti gli Universi Paralleli si tratterebbe in sostanza di un software finito non infinito come noi ci entusiasmamo a dimostrare.

    Mi piace

Il tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...